a-hollywood-sono-finiti-i-soldi?

A Hollywood sono finiti i soldi?

Hollywood si prepara a una nuova era di austerity

Financial Times, pagina 7, di Anna Nicolau.

«Senza di voi, saremmo solo Netflix», ha detto l’amministratore delegato di Fox Sports, Eric Shanks, agli inserzionisti questa settimana a Manhattan, dove una serie di dirigenti della Fox hanno presentato la loro programmazione e preso in giro il pioniere dello streaming video. La battuta di Shanks fa riferimento al drammatico cambiamento delle sorti di Netflix, mentre la crescita degli abbonati, un tempo impetuosa, si inverte e il prezzo delle azioni crolla. L’intoccabile dirompente di Hollywood è stato trasformato in una barzelletta. Il cambiamento di opinione di Wall Street su Netflix sta ora irradiando incertezza in tutta Hollywood.

Una nuova era di austerità potrebbe emergere nelle guerre dello streaming. «Il mondo si è improvvisamente svegliato e ha detto: “No, devi fare soldi”», ha detto l’ex amministratore delegato di una grande rete televisiva. «Ora si dice: “Non posso spendere 15 miliardi di dollari in contenuti e dire che stiamo crescendo di 3 milioni di abbonamenti in Indonesia e far sì che la strada aggiunga altri 50 miliardi di dollari al vostro market cap?”».

La strategia di Netflix

La scorsa settimana Netflix ha aggiornato i principi della sua cultura aziendale per includere «Spendi i soldi dei nostri membri con saggezza», segnando la prima volta che ha codificato qualsiasi nozione di controllo delle spese. Anche il gigante del settore Warner Bros Discovery ha annunciato l’intenzione di tagliare miliardi dal proprio budget. Spencer Neumann, direttore finanziario di Netflix, ha dichiarato che nei prossimi due anni l’azienda «si ridurrà» la crescita delle spese, nel tentativo di mantenere il margine di profitto operativo a circa il 20%.

L’azienda non ha voluto specificare dove intende trovare risparmi sui costi, ma martedì Netflix ha dichiarato di aver licenziato circa 150 dipendenti, compresi i dirigenti della sua unità di serie televisive originali negli Stati Uniti. Secondo un rappresentante, l’azienda ha anche licenziato dei collaboratori che lavoravano sui suoi canali di social media e ha effettuato dei tagli al suo reparto di animazione che interesseranno fino a 70 lavoratori. Alcuni di questi lavoratori potrebbero essere riassegnati ad altri show. All’inizio del mese Netflix ha licenziato alcune decine di scrittori che aveva assunto per Tudum, un progetto che mirava a creare un sito web per i fan degli show di Netflix.

La strategia di Warner Bros Discovery

Warner Bros Discovery, uno dei più grandi studi di intrattenimento e proprietario di HBO e CNN, ha offerto maggiori dettagli sulle riduzioni dei costi previste dopo la fusione di WarnerMedia e Discovery, avvenuta in aprile per 43 miliardi di dollari. L’amministratore delegato David Zaslav ha promesso agli investitori che avrebbe trovato 3 miliardi di dollari di tagli, garantendo al contempo 14 miliardi di dollari di utili annuali al lordo di interessi, imposte, svalutazioni e ammortamenti. La società ha un debito di 556 milioni di dollari.

Il primo discorso di Zaslav al municipio dell’azienda, tenutosi il 14 aprile, ha evidenziato il compito che lo attende. Ha invitato Oprah Winfrey a intervistarlo e ha dichiarato che la fusione è «il nostro appuntamento con il destino». Più tardi, durante quella «giornata luminosa e splendente», come l’aveva definita Zaslav, lui e i suoi vice hanno deciso di eliminare CNN+, un ambizioso progetto di streaming di notizie lanciato solo un mese prima. Ora Zaslav e il suo team, guidato dal direttore finanziario Gunnar Wiedenfels, sono alle prese con un altro compito impopolare: verificare le spese della Warner-Discovery per trovare i punti da tagliare.

Dove taglia Discovery

Wiedenfels, un ex consulente tedesco della McKinsey, si è costruito una reputazione dopo essere entrato in Discovery nel 2017 per la sua capacità di ridurre le spese e generare profitti. Sotto Wiedenfels, alcuni produttori di programmi Discovery hanno dovuto chiedere prestiti per finanziare la produzione. Nelle ultime settimane, mentre guardava sotto il cofano della Warner, Wiedenfels si è detto frustrato dalle decisioni prese dai suoi predecessori, dicendo ai colleghi che la precedente gestione di WarnerMedia e il suo ex proprietario AT&T non si erano preoccupati di calcolare il ritorno sui loro vari investimenti, secondo quanto riferito da persone che hanno familiarità con la questione.

Secondo queste persone, la cultura dello «spendere e chiedere il permesso dopo» non piace a Wiedenfels. Questo problema è stato al centro della debacle di CNN+, dove l’amministratore delegato uscente Jason Kilar aveva dato istruzioni ai dirigenti della CNN di procedere con un investimento di 350 milioni di dollari per costruire il servizio di streaming senza chiedere se i nuovi proprietari fossero favorevoli al progetto, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione. Wiedenfels vuole spremere quanto più denaro possibile dalla proprietà intellettuale dell’azienda, una strategia che ha perseguito a Discovery, dove l’azienda ha tagliato e tagliato i diritti di trasmissione dei contenuti principali attraverso la televisione tradizionale e le piattaforme di streaming, concedendoli anche in licenza ad altre aziende.

Per ora, Wiedenfels ha tenuto al riparo dai tagli i contenuti, la linfa vitale dell’azienda. Quest’anno Warner Bros Discovery spenderà 22 miliardi di dollari in televisione e film. Ma il team di Zaslav sta osservando da vicino l’ambiente economico e se si trovasse di fronte a una recessione negativa, come avvertono alcuni economisti, Wiedenfels potrebbe cambiare rotta, hanno detto persone a conoscenza della questione. Con Netflix che ha registrato un’inversione di tendenza nella crescita degli abbonati, i produttori e i responsabili degli studios sono ancora ottimisti sul fatto che il boom dei contenuti continuerà.

(Continua su Financial Times)

(Nell’immagine il logo di Netflix)

Related Posts

Lascia un commento