apple-e-l’incubo-di-facebook-–-tvzoom

Apple è l’incubo di Facebook – TvZoom

Pubblicato il 28/10/2022, 19:03 | Scritto da La Redazione

Apple è l’incubo di Facebook

Con l’App Tracking Transparency (ATT) la società di Cupertino ha rivoluzionato il nel mercato dell’online advertising danneggiando seriamente il gioiello di Mark Zuckerberg. L’obbligo per le applicazioni presenti sull’Apple Store di ottenere il consenso dei propri utenti prima di raccogliere e condividere i loro dati con terze parti per scopi pubblicitari è costato a Meta 10 miliardi di dollari in meno!

Apple stravolge la pubblciità online

Le Figaro, di Claudia Cohen, pag. 29

La scorsa primavera, Apple ha creato scompiglio nel mercato della pubblicità online introducendo l‘App Tracking Transparency (ATT). Questo sistema ha introdotto l’obbligo per le applicazioni presenti sull’Apple Store di ottenere il consenso dei propri utenti prima di raccogliere e condividere i loro dati con terze parti per scopi pubblicitari. A distanza di pochi mesi, la politica di protezione dei dati del colosso americano è diventata un vero e proprio incubo per Mark Zuckerherg. Al momento della pubblicazione dei suoi allarmanti risultati trimestrali, mercoledì sera, il capo di Meta ha lamentato un ammanco di oltre 10 miliardi di dollari per l’anno in corso. Con una ridotta capacità di indirizzare efficacemente gli utenti di Internet, i suoi social network Facebook e Instagram stanno perdendo il loro appeal per gli inserzionisti, che stanno riducendo i loro investimenti. In media, il 40% degli utenti di tutto il mondo non accetta di monetizzare i propri dati… “Gli investitori deplorano il fatto che Mark Zuckerberg non abbia investito abbastanza per migliorare la sua infrastruttura pubblicitaria e per contrastare molto rapidamente i cambiamenti di Apple”. Fb spendendo per esempio alcuni nullards da mani nel suo ramo che costruisce il metaverr (Reality Labs)”, riprende un analista. Meta, che sta soffrendo anche per il rallentamento economico, la concorrenza di TikTok e la mancanza di attrazione da parte degli inserzionisti per il suo formato di video brevi Reels, ha visto i suoi ricavi pubblicitari diminuire per la prima volta nella sua storia nell’arco di un anno.

Tra i giganti tecnologici americani, YouTube è anche uno dei grandi sconfitti dell’ATT. Secondo Lntame, il fatturato della piattaforma video di Google supererà i 2 miliardi di dollari quest’anno. Fortunatamente per Google, YouTube rappresenta solo il 13% delle sue entrate pubblicitarie globali. Dietro di essa, Snap, la società madre dell’applicazione Snapchat, che come Meta ha pubblicato risultati preoccupanti la scorsa settimana, sta vedendo anche il suo modello di business indebolito dall’ATT. l’azienda dovrebbe subire una perdita di oltre 1 miliardo di dollari … La forte attrazione di Amazon Le perdite dei giganti americani sono solo la punta dell’iceberg. Gli sviluppatori più piccoli, che non dispongono di una propria rete pubblicitaria o di un ampio bacino di dati interni, sono ancora i più colpiti. Di fronte a questo quadro desolante, l’ecosistema della pubblicità digitale sta approfittando della situazione. In un anno, la sua soluzione pubblicitaria Search Ads ha visto quadruplicare la sua quota di mercato. In Francia, le principali associazioni di mercato hanno presentato una denuncia contro Apple. Dal momento che Search Ads non è interessato dall’ATT, ritengono che, impedendo loro di tracciare correttamente gli utenti esposti alle loro campagne, Apple stia di fatto promuovendo la propria offerta pubblicitaria. In questa situazione di stallo, solo Amazon sta facendo meglio che mai. Noncurante di ATT e con un bagaglio di dati (cronologia degli acquisti, indirizzi di consegna), il colosso dell’economia continua ad attirare gli inserzionisti. La sua offerta rivolta ai consumatori nella fase di acquisto è considerata strategica. ¦ 10 miliardi di dollari Importo delle mancate entrate di Meta nel 2022.

(Continua su Le Figaro)

(Nella foto il logo Apple)

Related Posts

Lascia un commento