assicurazione-auto,-meglio-ricordarselo-subito:-il-rischio-e-“grosso”

Assicurazione Auto, meglio ricordarselo subito: il rischio è “grosso”

È sempre bene ricordarsi tempestivamente di rinnovare l’Assicurazione dell’Auto. Altrimenti la sanzione è d’obbligo e “importante”.

Assicurazione Auto
(Ansa Foto)

Avere un’Auto comporta sempre una serie di spese a cui dobbiamo necessariamente far fronte se vogliamo spostarci da un luogo ad un altro nel pieno rispetto della legge. Tra le varie c’è l’Assicurazione, che ci consente di essere coperti in caso di incidente.

Le compagnie offrono varie offerte in merito e prevedono il pagamento di una determinata somma a seconda delle opzioni di copertura selezionate. Generalmente, la quota da pagare ci garantisce un anno di RCA e si può pagare su base annuale, in un’unica soluzione, o semestrale. Ma cosa accade se ci scordiamo di rinnovare la polizza?

Assicurazione Auto, meglio ricordarselo

Circolare senza una copertura assicurativa valida è di fatto proibito dall’articolo 193 del Codice della Strada. “I veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi – si legge –, non possono essere posti in circolazione sulla strada senza la copertura assicurativa a norma delle vigenti disposizioni di legge sulla responsabilità civile verso terzi“.

Di conseguenza, c’è l’obbligo e se non abbiamo stipulato una polizza RCA, o circoliamo su strade pubbliche con l’assicurazione scaduta, il rischio è quello di ricevere una multa salatissima, oltre ad eventuali sanzioni accessorie.

Come riporta Sicurato, fino al 2012 c’era il cosiddetto “tacito rinnovo”, cioè il rinnovo automatico alla scadenza naturale della polizza. Tuttavia, da quell’anno in poi la situazione è cambiata e ciascun automobilista è costretto a rinnovarla di persona anche, eventualmente, affidandosi ad una diversa compagnia assicurativa da quella precedente.

Peraltro, quest’ultimo è uno dei “trucchetti” per ottenere vantaggi in termini di risparmio, poiché non tutte le compagnie propongono prezzi uguali. Oggi ne esistono una miriade, ma con l’avvento dei comparatori dedicati scegliere una polizza conveniente è molto più semplice rispetto al passato.

Carroattrezzi Auto
(Ansa Foto)

Ad ogni modo, a prescindere dalla compagnia scelta, avere un’Assicurazione valida è il requisito minimo per poter circolare tranquillamente sulle strade pubbliche. Pertanto, è sempre bene ricordarsi di rinnovarla nei tempi prestabiliti dalla legge. E in caso di violazione, lo stesso articolo 193 (comma 2) del Codice stabilisce quali siano le sanzioni da comminare.

In particolare, qualora si venga colti dalle autorità senza copertura, la multa da pagare è di importo compreso tra 866 e 3.464 euro ed è previsto anche il sequestro del veicolo, con le relative spese a carico del proprietario.

Tuttavia, possiamo essere soggetti ad una riduzione del 25% dell’importo totale della multa qualora si rinnovi la polizza entro 30 giorni dalla data di scadenza del contratto.

Ricordiamo poi che i 15 giorni di tolleranza previsti dalla legge si applicano solamente alle coperture della durata di un anno. Trascorse le due settimane, si è soggetti a sanzioni. Dunque, di seguito riportiamo alcuni consigli su come non farsi cogliere impreparati alla scadenza dell’Assicurazione della nostra Auto.

Come non farsi trovare impreparati

Ad oggi, il digitale ci dà tanti strumenti che ci permettono di ricordarci tempestivamente quando è arrivato il momento di rinnovare l’RCA.

Carabinieri posto di blocco
(Ansa Foto)

Uno è l’opzione app: scaricando quella della vostra compagnia è sempre possibile verificare a qualsiasi ora e giorno qual è la data di scadenza della copertura. La stessa app dispone della funzione di invio notifica push, che quindi, previa attivazione, comparirà sullo schermo del vostro smartphone per ricordarvi dell’imminente scadenza.

Inoltre, molte compagnie si affidano alle e-mail che arrivano sul vostro indirizzo personale o alle chiamate vocali da un loro ufficio.

Infine, potrà sembrare banale dirlo, ma può essere opportuno verificare di persona direttamente sul certificato di assicurazione che, dopo la “scomparsa” del contrassegno sul parabrezza, bisogna sempre avere in Auto.

Related Posts

Lascia un commento