auto-investe-passeggino,-bimbo-di-due-anni-in-gravissime-condizioni-ricoverato-in-ospedale-–-il-riformista

Auto investe passeggino, bimbo di due anni in gravissime condizioni ricoverato in ospedale – Il Riformista

Il drammatico incidente a Gallarate

Vito Califano — 21 Novembre 2022

FOTO DI REPERTORIO
FOTO DI REPERTORIO

Era nel passeggino spinto dalla madre quando è stato travolto da un’auto, sbalzato violentemente sull’asfalto. E ora è in gravi condizioni il bambino di due anni vittima di un grave incidente a Gallarate, in provincia di Varese. Il piccolo è ricoverato in codice rosso all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Il bambino ha riportato un grave trauma cranico nell’incidente, è intubato. Era con il padre e la madre, ieri pomeriggio, quando si è consumato l’incidente. La famiglia stava attraversando la strada nei pressi di una rotatoria. Una Fiat Panda Rossa ha travolto in piano il passeggino. La donna è rimasta completamente illesa. La settantenne alla guida dell’auto ha detto di non aver visto la famiglia attraversare, è stata sottoposta ad alcool test come da prassi.

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del pronto soccorso, un’auto medica e i medici rianimatori con l’elisoccorso. Il bambino è stato trasportato d’urgenza, in codice rosso, in elicottero all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Sulla dinamica dell’incidente indaga la Polizia locale.

Soltanto pochi mesi fa una tragedia simile si era consumata a Padova: un bambino di circa tre mesi era morto in quel caso dopo l’incidente. Il passeggino era stato trascinato per diversi metri con il piccolo che, sbalzato all’esterno, aveva perso subito conoscenza dopo aver impattato sull’asfalto. Dopo poche ore era morto in ospedale. La madre non aveva riportato ferite gravi. Con il piccolo stava andando a prendere l’altro figlio, più grande, a scuola.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento