basilica-di-re,-domenica-e-il-centenario-della-posa-delle-prima-pietra

Basilica di Re, domenica è il centenario della posa delle prima pietra

Domenica 21 agosto sarà ricordato il centenario della posa delle prima pietra della Basilica di Re. Il santuario di Re del 600 si dimostrò incapace di accogliere la crescente folla dei devoti della Madonna del Sangue.

Nella ricorrenza del 400 ° anniversario del miracolo nel 1894, fu stabilito di elevare un grandioso tempio, che andava ad affiancare (anzi a inglobare) l’antica chiesa del Seicento. L’opera fu affidata all’architetto Edoardo Collamarini il quale iniziò i disegni nel 1905, ma solamente dopo la prima guerra mondiale, il 5 agosto 1922 monsignor Giuseppe Gamba potè benedire la prima pietra del santuario nuovo. L’architettura del tempio è di tipo bizantino mentre lo sviluppo è gotico. Prima tappa dell’imponente costruzione è stato il tempietto della reliquia del sangue con la piccola cupola.

I primi lavori furono solennemente inaugurati in occasione della seconda incoronazione della Madonna fatta dal cardinal Gamba il 5 agosto 1928. Circa un mese dopo moriva l’architetto Collamarini. I lavori continuarono a rilento, finchè una nuova guerra mondiale venne a troncarli. A guerra finita, un decreto vescovile stabiliva a Re la Congregazione, dei Padri oblati diocesani, Missionari di Maria, che dovevano rafforzare la devozione della Madonna e continuare la costruzione del santuario.

I lavori furono condotti a termine dal vescovo di Novara monsignor Gilla Vincenzo Gremigni che nel 1951 si recò a Re portando il progetto del Collamarini, intenzionato a proseguire i lavori. Da allora il ritmo della costruzione sotto l’impulso di padre Cardano, primo rettore oblato proseguì spedita. Il 16 agosto 1952 monsignor Gremigni inaugurava la facciata con il rosone gotico.

Nel Natale del 1953 il vescovo nominava una commissione di tecnici composta dall’architetto Giovanni Greppi, l’ingegner Giacomo Brindicci che insieme a padre Cardano diedero un deciso contributo alla definitiva soluzione degli ardui problemi, sorti specialmente a riguardo dell’imponente cupola.

Le opere proseguirono a ritmo sostenuto e il 4 agosto 1958 monsignor Gremigni consacra il santuario “vero gioiello d’arte” e il giorno seguente viene inaugurato ed elevato al titolo di Basilica Minore da Pio XII. La cupola si presenta sormontata da quattro torri la basilica alta 51 metri si eleva maestosa nel cielo.

Related Posts

Lascia un commento