bere-latte-scaduto:-attenzione,-ecco-cosa-puo-capitare-–-giornal.it

Bere latte scaduto: attenzione, ecco cosa può capitare – Giornal.it

Il latte è sicuramente una delle bevande più utilizzate in tutto il nostro paese. Viene utilizzato durante la colazione per iniziare al meglio la nostra giornata, ma può essere anche un delizioso spuntino sia di metà mattinata che di metà pomeriggio. Inoltre, il latte, viene spesso impiegato all’interno delle nostre cucine: si usa come ingrediente per i dolci e spesso anche per gustose ricette.

Non dimentichiamo, inoltre, che bere latte di sera può far bene al nostro organismo. L’argomento chiave di questo articolo però è capire cosa succede nel caso in cui si dovesse bere latte scaduto. Può capitare infatti di dimenticarci in frigorifero di una busta di latte e con il tempo che passa inesorabile questa arriva alla data di scadenza.

Su tutti i prodotti infatti viene sempre scritto il giorno fino al quale tale alimento si può consumare. Dopo questa data è sempre meglio evitare. Andiamo dunque a capire quali sono gli effetti collaterali del latte scaduto.

Innanzi tutto partiamo dal dire che il latte, dopo essere stata aperta la busta che lo contiene, si può bere fino a sette giorni successivi. Esso, se invece è stato aperto dopo la data di scadenza, allora si può bere solo nei due o tre giorni successivi. L’importante è sempre ricordarsi di conservarlo in un luogo fresco, che può chiaramente essere il frigorifero, tra i tre ed i quattro gradi.

latte scaduto

Molte persone purtroppo, come abbiamo già anticipato qualche riga più sopra, non ricordano di aver il latte in frigorifero e superano la data di scadenza. Bisogna dunque sempre controllare che il latte che stiamo per bere non presenti assolutamente dei grumi. Questi ultimi infatti sono un segno molto evidente che si debba immediatamente buttare via prima di incappare in intossicazioni alimentari.

Tra i vari sintomi che vengono dal bere latte scaduto abbiamo sicuramente una fortissima nausea ma può essere seguita anche da vomito e dolori addominali. Inoltre potremmo essere anche colpiti da diarrea e, nei casi più peggiori, la febbre potrebbe far capolino nel nostro organismo.

Insomma, bere latte scaduto non è certamente una buona abitudine e per questo motivo vi consigliamo di controllare sempre in maniera adeguata sia la data di scadenza, ma soprattutto le modalità di conservazione della vostra busta o bottiglia che sia. E’ infatti risaputo che qualsiasi alimento, e quindi anche il latte, se viene conservato in maniera ottimale può restare buono anche più giorni dopo la scadenza. Se invece viene lasciato fuori dal frigorifero, ad esempio, e quindi a temperature totalmente errate, potrebbe diventare molto pericoloso per la nostra salute.

Related Posts

Lascia un commento