caldo-e-siccita-moltiplicano-le-zanzare.-ma-in-piemonte-si-riducono-i-fondi-per-il-contrasto

Caldo e siccità moltiplicano le zanzare. Ma in Piemonte si riducono i fondi per il contrasto

In Piemonte la lotta alle zanzare parte in ritardo. E i fondi a disposizione sono troppo pochi per tutto il territorio cittadino. A lanciare l’allarme l’IPLA Torino, che dal 2007 si occupa del contrasto a questo insetto. “Rispetto ad altre regioni – ha spiegato il responsabile territoriale Igor Boniil nostro progetto è avanzato: sono però stati ridotti i fondi“.



Due milioni e mezzo di euro in Piemonte contro la zanzara


Dal 2014 la battaglia contro la proliferazione delle zanzare si fa solo in ambito urbano. Accanto alla diminuzione degli stanziamenti si è osservato come le specie che nascono in ambito agricolo “non sono vettore di malattia“. Nelle città vive invece la famigerata zanzara tigre. “La Regione – ha aggiunto Boni – mette un milione e mezzo di euro, a cui va aggiunto un milione che arriva dai comuni piemontesi“.

I soldi però quest’anno hanno tardato ad arrivare e le condizioni meteo hanno favorito il moltiplicarsi delle zanzare. “Questa primavera – ha chiarito il responsabile territoriale – ha piovuto poco e ha fatto molto caldo. Urge entrare in azione“. La Regione ha dato solo la scorsa settimana il via libera alle attività.

Da quello che sappiamo – ha però aggiunto – la Regione ha approvato un piano triennale: nel 2023 non saremo in ritardo e potremo aprire i contratti con le ditte a fine aprile, non a fine maggio“. Sono quattro gli operatori in campo per la lotta alla zanzara, che concentrano la loro attività sui ristagni d’acqua, luogo di nascita preferenziale dell’insetto.

Related Posts

Lascia un commento