chieti,-sinistra-italiana-accusa-una-rievocazione-fascista

Chieti, Sinistra Italiana accusa una rievocazione fascista

Una rievocazione fascista fa indignare Sinistra Italia. A Chieti, degli uomini, sono andati in piazza con fez, camicia nera e manganello.

Fascisti a Chieti

Sinistra Italiana è molto arrabbiata, in quanto, a Chieti, durante un convegno sul Processo per l’omicidio di Matteotti si sono presentati in piazza degli uomini che potrebbero definirsi chiaramente nostalgici del ventennio fascista.

Rievocazione fascista a Chieti, l’indignazione di Sinistra Italiana

Si apprende da ChietiToday che Michele Marino e Gennaro Garofalo, rispettivamente vicesegretario provinciale e segretario cittadino di Sinistra Italiana, hanno dichiarato: “In piazza Vico facevano bella mostra di sé due vecchie auto Balilla e tre signori vestiti in maniera analoga, cioè da balilla, ovvero da fascisti. Fez e camicia nera, e per uno dei tre anche un manganello. Nelle vicinanze si svolgeva un convegno sul Processo Matteotti e quindi si è ritenuto meritevole una rievocazione d’epoca.

Qualcuno ha protestato, o piano piano ci siamo abituati a ridere anche della dittatura fascista?“.

Fez, camicia nera e manganello. La rievocazione storica in divisa balilla per la mostra dedicata al delitto Matteotti. L’iniziativa della Pro Loco “Luca Romano” di Chieti, nella città in cui si celebrò il processo-farsa per il suo omicidio. #matrice pic.twitter.com/h8Bnyiyd1T

— Alekos Prete (@AlekosPrete) May 22, 2022

Sinistra Italiana: “Il prefetto ne era informato?”

A Chieti, i nostalgici del fascismo, si sono presentati con due auto d’epoca che richiamano al periodo del ventennio fascista.

Il loro “corteo” è partito dall’ex carcere di Chieti e voleva far si che si ripercorresse la strada che hanno fatto gli imputati per l’omicidio di Matteotti. A tal proposito, sempre Sinistra Italiana, ha sollevato una polemica chiedendosi: “Comunque sarebbe interessante sapere chi ha organizzato questa sceneggiata fascistizzante. Privati o enti pubblici? Il prefetto ne era informato?“.

Related Posts

Lascia un commento