come-coltivare-i-ciclamini-in-vaso,-tutti-i-consigli-utili-–-impronta-unika

Come coltivare i ciclamini in vaso, tutti i consigli utili – Impronta Unika

I ciclamini con il loro fiori rendono l’inverno un po’ più allegro!Da settembre in avanti, i ciclamini sono – tra i fiori invernali – quelli che maggiormente resistono alle basse temperature. Ma come curare al meglio i fiori di ciclamino? E come prendersi cura una pianta di ciclamino per tutto l’inverno? Ecco i consigli per avere ciclamini bellissimi.

I ciclamini da vaso amano la luce che, però, non deve essere diretta e non deve riscaldare troppo l’ambiente. Cercate di mettere i ciclamini in zone fresche della casa, con temperature tra i 6 e i 18 gradi. Fate attenzione a non lasciarli al centro di correnti d’aria o in zone esposte a folate di vento: ai ciclamini non piacciono.

Come coltivare i ciclamini

I ciclamini possono essere coltivati in modo molto semplice sia in vaso sia in giardino, collocando le piantine all’ombra e in zone prive di correnti d’aria. 


Per iniziare a coltivare i ciclamini è possibile partire dai semi, che vanno interrati in cassette di legno o piccoli vasi tra luglio e settembre, utilizzando un terriccio ricco di humus e misto a sabbia

I semi vanno tenuti al buio, in un luogo fresco e privo di correnti

d’aria e, dopo due o tre settimane germineranno. Quando si saranno sviluppate le prime foglie, le piccole piante andranno messe a dimora

in piena terra o in vaso più grande.

In alternativa è possibile acquistare piante già sviluppate e collocarle in vaso o in giardino, tenendo conto delle esigenze dei ciclamini.

Per quanto riguarda la posizione in cui collocare i ciclamini in giardino, questi crescono meglio in zone ombreggiate, al riparo di grandi alberi.

I ciclamini non amano il sole e il caldo, mentre resistono bene al freddo e alle gelate; la temperatura ideale per il loro sviluppo come abbiamo detto in precedenza è compresa tra i 6 e i 18°C.

Il terriccio ideale per la crescita dei ciclamini è acido, mediamente umido e ricco di sostanze organiche. Le innaffiature vanno effettuate ogni due o tre giorni da settembre a marzo, quando il ciclamino è in fiore, mentre durante il riposo vegetativo vanno diradate. 

In ogni caso, i ciclamini vanno innaffiati solo quanto la terra appare secca.

All’inizio della primavera, il ciclamino sfiorirà e potranno essere  eliminate le parti secche della pianta che ricrescerà dal bulbo sotterraneo a partire dall’autunno.

Coltivare il ciclamino in vaso richiede le stesse cure rispetto alla coltivazione in terra: le piante vanno collocate in luoghi freschi, dentro o fuori casa, in zone molto luminose ma lontane dalla luce diretta del sole e dalle correnti d’aria.

Quando è coltivato in vaso, l’acqua per innaffiare va versata nel sottovaso e non direttamente nella terra

Come curare i ciclamini

I ciclamini non richiedono cure particolari e, se coltivati nelle condizioni adatte alla pianta, possono rifiorire anche per quattro o cinque anni di seguito senza troppi accorgimenti.

Oltre a collocare la pianta in luoghi freschi e ombreggiati è importante regolare le innaffiature che, se troppo abbondanti, potrebbero far marcire radici e foglie.

Il ciclamino non è particolarmente soggetto a malattie e parassiti ma se il terriccio è troppo bagnato, possono svilupparsi funghi che uccidono la pianta.

Per prevenire l’attacco di parassiti e il marciume fogliare è bene eliminare le foglie e i fiori secchi immediatamente

Altro aspetto importante è la presenza di nutrienti: per far crescere la pianta in salute e godere di fioriture abbondanti, il terriccio deve essere ricco di humus

A partire dall’autunno e fino in primavera è consigliabile somministrare al ciclamino un fertilizzante ogni 15-20 giorni, soprattutto se la pianta è coltivata in vaso.

A giugno le foglie e i fiori secchi vanno rimossi immediatamente per evitare che facciano marcire tutta la pianta e che favoriscano l’attacco di parassiti.

Se il ciclamino è coltivato in vaso, il rinvaso va effettuato solo quando le radici hanno occupato completamente il contenitore, fino a vederle spuntare fuori dalla terra. 

In questo caso è possibile trasferire il ciclamino in un vaso leggermente più grande del precedente. Il rinvaso del ciclamino va effettuato dopo la fioritura, utilizzando un terriccio con torba, sabbia e foglie in parti uguali.

Con queste semplici indicazioni è possibile avere splendidi ciclamini in giardino, in terrazzo o sul davanzale a dare colore alle giornate più fredde e grigie dell’anno. 

Related Posts

Lascia un commento