Tempo di lettura stimato: 9 minuti

Nuovo bando concorsuale Il Ministero dell’Interno ha pubblicato tre concorsi nei Vigili del Fuoco, pubblicato infatti i nuovi Concorsi Vigili del Fuoco Vice Direttori tecnico – scientifici 2022, sono ben 12 i posti per laureati disponibili. Per partecipare occorre inoltrare la domanda entro il 28 Novembre 2022.

Prima di mostrarti come funzionano le procedure concorsuali e come studiare le materie indicate nel bando, ci preme ricordarti che per restare aggiornato sui Concorsi Vigili del Fuoco Vice Direttori tecnico – scientifici 2022 ti basta attivare le relative notifiche sul ChatBot Telegram.

Se i Concorsi Vigili del Fuoco Vice Direttori tecnico – scientifici 2022, non è tra quelli che ti interessano, puoi sempre dare un’occhiata ai Concorsi nei Vigili del Fuoco o agli altri bandi in scadenza.


Concorsi Vigili del Fuoco Vice Direttori tecnico scientifici 2022 – Come funziona e come partecipare

Posti, profili disponibili e dettagli

Quanti sono i posti a disposizione?

In totale i posti sono 12, così suddivisi:

– Biologi 4 posti;

– Psicologi 4 posti;

– Chimici 4 posti.

Di cosa si occupano i biologi nel VVF?

È un gruppo specializzato dei Vigili del fuoco viene chiamato a intervenire in situazioni eccezionali: quando esiste un fondato pericolo di contagio da sostanze nucleari, biologiche, chimiche o radiologiche che potrebbero provocare gravi danni a persone, animali o cose. È il nucleo NBCR.

Di cosa si occupano i chimici nel VVF?

I chimici fanno parte del nucleo speciale NBCR, specialisti dei Vigili del Fuoco, agiscono in tutti i casi in cui si verifica il fondato pericolo di contagio da sostanze nucleari, biologiche, chimiche o radiologiche.

Che ruolo ha lo psicologo nei VVF?

Lo Psicologo dell’Emergenza: aiutare le vittime di catastrofi e conflitti. Lo Psicologo dell’Emergenza interviene nelle aree colpite da catastrofi naturali, disastri e conflitti per prestare un primo aiuto psicologico alle vittime e ai loro familiari e sostenere i soccorritori.

Sono presenti delle riserve?

Sui posti messi a concorso sono riservate, se applicabili, le seguenti riserve:

– 25% dei posti al personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco;

– 10% dei posti al personale volontario del Corpo nazionale dei vigili del fuoco;

– 2% dei posti agli ufficiali delle forze armate.

Requisiti di partecipazione

Ci sono i limiti di età per poter partecipare?

Sì, può partecipare solo chi ha un’età non superiore ai 45 anni.

Quale titolo di studio è richiesto per i biologi?

Peri biologi è richiesta un laurea magistrale in biologia (LM-6). Sono fatte salve, ai fini dell’ammissione al concorso, le lauree universitarie conseguite secondo gli ordinamenti didattici previgenti ed equiparate ai sensi del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione del 9 luglio 2009 di equiparazione tra diplomi di lauree di vecchio ordinamento, lauree specialistiche (LS) di cui al decreto n. 509/1999 e lauree magistrali (LM) di cui al decreto n. 270/2004.

Quale titolo di studio è richiesto per gli psicologi?

Per gli psicologi è richiesta una laurea magistrale in psicologia (LM-51). Sono fatte salve, ai fini dell’ammissione al concorso, le lauree universitarie conseguite secondo gli ordinamenti didattici previgenti ed equiparate ai sensi del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione del 9 luglio 2009 di equiparazione tra diplomi di lauree di vecchio ordinamento, lauree specialistiche (LS) di cui al decreto n. 509/1999 e lauree magistrali (LM) di cui al decreto n. 270/2004.

Quale titolo di studio è richiesto per i chimici?

Per i chimici è richiesta una laurea magistrale in ingegneria chimica (LM-22), in scienze chimiche (LM-54) e in scienze e tecnologie della chimica industriale (LM-71). Sono fatte salve, ai fini dell’ammissione al concorso, le lauree universitarie conseguite secondo gli ordinamenti didattici previgenti ed equiparate ai sensi del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione del 9 luglio 2009 di equiparazione tra diplomi di lauree di vecchio ordinamento, lauree specialistiche (LS) di cui al decreto n. 509/1999 e lauree magistrali (LM) di cui al decreto n. 270/2004.

Prove e materie del concorso – Cosa studiare

Come si articolano i concorsi?

Il concorso si compone di:

– eventuale prova preselettiva;

– due prove scritte;

– valutazione titoli;

– una prova orale.

In che caso si svolge la prova preselettiva?

La prova preselettiva verrà effettuata nel caso in cui il numero delle domande presentate superi di dieci volte il numero dei posti messi a concorso, e consisterà nella risoluzione di quesiti a risposta multipla sulle materie oggetto delle prove scritte e orali.

Su cosa vengono svolte le prove scritte?

Le prove scritte consisteranno nella stesura di un elaborato oppure nella risposta sintetica a quesiti, senza l’ausilio di strumenti informatici. Nello specifico, verteranno:

– concorso per posti nell’ambito professionale di biologia:

– prima prova scritta: biologia applicata;

– seconda prova scritta: biologia molecolare.

– concorso per posti nell’ambito professionale di psicologia:

– prima prova scritta: psicologia generale;

– seconda prova scritta: psicologia sociale.

– concorso per posti nell’ambito professionale di chimica:

– prima prova scritta: chimica generale e inorganica;

– seconda prova scritta: chimica organica.

Quali sono le materie delle prove orali per il profilo biologi?

Oltre che sulle materie oggetto delle prove scritte, la prova orale verterà sulle seguenti materie:

– microbiologia generale;

– statistica per la ricerca sperimentale e tecnologica;

– normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro;

– ordinamento del Ministero dell’interno, con particolare riferimento al Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile e ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Quali sono le materie delle prove orali per il profilo psicologi?

La prova orale avrà ad oggetto le materie delle prove scritte e anche le materie di seguito elencate:

– psicologia dell’emergenza;

– psicometria e statistica applicata alle discipline psicologiche;

– normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro;

– ordinamento del Ministero dell’interno, con particolare riferimento al Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile e ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Su quali materie verte la prova orale per i profilo chimici?

La prova orale verterà, oltre che sulle materie oggetto delle prove scritte, anche sulle seguenti materie:

– chimica dei materiali;

– statistica per la ricerca sperimentale e tecnologica;

– normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro;

– ordinamento del Ministero dell’interno, con particolare riferimento al Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile e ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

La prova orale verte anche su altre materie?

Si, nell’ambito delle prove orali saranno accertate anche la conoscenza della lingua straniera, scelta dal candidato all’atto della presentazione della domanda tra inglese, francese, spagnolo e tedesco e la conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse.

Come si intendono superate le prove scritte ed orali?

La prova scritta e orale si intende superata se il candidato ottiene una votazione non inferiore a 21/30.

Quando ci sarà la prova preselettiva?

Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 16 dicembre 2022 nonché sul sito web del Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile sarà data notizia sullo svolgimento dell’eventuale prova preselettiva o delle prove scritte.

Come inoltrare la domanda e dove scaricare i bandi

Come si inoltra la domanda?

Le domande di ammissione ai concorsi Vigili del Fuoco 2022 per psicologi, biologi e chimici devono essere presentate esclusivamente per via telematica, accedendo a questa pagina.

Per poter partecipare dovrai possedere:

– lo SPID: se non ce l’hai ancora, scopri come ottenerlo leggendo questa guida;

– una PEC intestata a te: per scoprire come attivarla velocemente in 30 minuti leggi questa pagina.

Prima d’inoltrare la domanda di partecipazione leggi con attenzione qualsiasi altra comunicazione riportata sulla pagina ufficiale.

È necessario effettuare il pagamento di una tassa d’iscrizione?

No.

Entro quale data è possibile partecipare?

È possibile presentare domanda entro il 28 novembre 2022.

Dove posso scaricare i bandi ?

Puoi consultare e scaricare i bandi di concorso da qui:

Psicologi;

Chimici;

Biologi.

Concorsi Vice Direttori tecnico scientifici Vigili del Fuoco per laureati – Come prepararsi per le prove

Simulatore Quiz

Se hai intenzione di partecipare ai Concorsi Vice Direttore biologipsicologi e chimici Vigili del Fuoco 2022, avrai sicuramente bisogno del simulatore quiz.

Puoi esercitarti fin da subito utilizzando la funzione materie presente sul simulatore: ti basta aggiungere tutte le materie indicate nel bando del profilo da te scelto.

Corsi Online

Oltre all’utilizzo del Simulatore, ti consigliamo d’iscriverti ad alcuni Corsi Online, che rappresentano uno strumento utile per la preparazione di una o più materie oggetto di esame.

L’offerta di Corsi Online per il Concorso Vice Direttore Sanitario Vigili del Fuoco 2022 comprende:

Concorsi VVF Vice Direttore tecnico scientifici 2022 – Forum e aggiornamenti

Per restare aggiornato su Concorsi VVF Vice Direttore tecnico scientifici 2022 e conoscere anche gli altri candidati:

Altri concorsi in scadenza o di prossima uscita

Oltre al Concorsi VVF Vice Direttore tecnico scientifici 2022 potrebbero interessarti anche i seguenti concorsi in primo piano oppure i prossimi bandi in uscita.