ecco-come-l’antitrust-russo-ha-bastonato-google

Ecco come l’Antitrust russo ha bastonato Google

Il Federal Antimonopoly Service (FAS) russo ha multato Google per 34 milioni di dollari per violazione delle regole di concorrenza. Si tratta dell’ennesima sanzione dalle autorità russe nei confronti del colosso di Mountain View

La Russia ha multato (ancora) Google.

Martedì l’Antitrust russo ha multato la società di proprietà di Alphabet per 2 miliardi di rubli (34,2 milioni di dollari) per aver abusato della sua posizione dominante nel mercato dell’hosting video, ha affermato il regolatore in una nota. Lo riporta per primo Reuters.

La decisione è l’ultima multa multimilionaria nell’ambito della campagna sempre più assertiva di Mosca contro le società tecnologiche straniere.

Il governo russo ha aumentato la pressione sulla grande tecnologia quest’anno, in particolare dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Una campagna che i critici definiscono come un tentativo delle autorità russe di esercitare un controllo più stretto su Internet, qualcosa che secondo loro minaccia la libertà individuale e aziendale.

E l’andamento della guerra in Ucraina si intreccia con i servizi del colosso tecnologico statunitense. “Le regioni separatiste filo-russe nell’Ucraina orientale bloccano Google. Lo riferiscono le autorità ribelli”, come riportato la scorsa settimana dall’Ansa.

Tutti i dettagli.

LA POSIZIONE DELL’ANTITRUST RUSSO

L’organo federale antitrust della Russia ha multato Google per violazione delle regole della concorrenza.

Il Federal Antimonopoly Service (FAS) ha affermato che la società ha “abusato della sua posizione dominante nel mercato dei servizi di hosting video di YouTube”, senza fornire ulteriori dettagli.

LA REAZIONE DI GOOGLE

“Studieremo il testo della decisione ufficiale per definire i nostri prossimi passi”, ha detto Google in una nota a Reuters.

Google deve pagare la multa entro due mesi dalla sua entrata in vigore, ha affermato l’authority russa.

TUTTE LE MULTE RUSSE COMMINATE A BIG G

La Russia ha messo alle strette la filiale russa di Google con numerose multe negli ultimi mesi. La scorsa settimana un tribunale russo ha multato la società per  21,1 miliardi di rubli (358,7 milioni di dollari) a causa della ripetuta mancata rimozione di contenuti che Mosca considera illegali. Lo ha riportato l’agenzia di stampa Interfax, ripresa da Reuters.

Alla fine dell’anno scorso Google aveva ricevuto una multa da 7,2 miliardi di rubli per non aver rimosso o bloccato i contenuti.

La filiale locale di Google ha dichiarato bancarotta a giugno dopo che le autorità hanno bloccato il suo conto bancario locale a causa dell’escalation delle multe relative a YouTube.

Il colosso statunitense aveva già sospeso la maggior parte delle sue operazioni commerciali in Russia, compresa tutta la pubblicità, dopo che le autorità russe avevano accusato YouTube, società di Google, di diffondere disinformazione e alimentare proteste.

Tuttavia, la società tecnologica americana continua a offrire servizi gratuiti in Russia, comprese le funzioni di ricerca, YouTube, Gmail e Google Play.

Related Posts

Lascia un commento