enrico-letta-commenta-pontida:-“provincia-dell’ungheria”

Enrico Letta commenta Pontida: “Provincia dell’Ungheria”

Il leader del PD attacca Salvini, che in queste ore ha organizzato il raduno della Lega

enrico letta

Ha preso il via proprio questa mattina a Pontida, dopo due anni di stop a causa della pandemia, il grande raduno della Lega di Matteo Salvini, che in questi giorni come tutti i suoi avversari si sta giocando le sue ultime cartucce in campagna elettorale prima delle Elezioni Politiche del prossimo 25 settembre.

Pontida, una vera e propria “liturgia leghista” fondata da Umberto Bossi negli anni ’90, continua ad attirare a sé un nutrito pubblico proveniente da tutta Italia.

Mentre da una parte si celebra la destra, dall’altra (a Monza per essere precisi) Enrico Letta fa il suo dovere incontrando i suoi sostenitori in una sorta di anti-Pontida nel corso della quale, neanche a dirlo, ha avuto parole dure nei confronti dell’avversario.

Cos’ha deto Enrico Letta alla convention di Monza

Di fronte ai suoi supporter e futuri elettori (a meno di grosse sorprese) il capo del PD ha tenuto a sottolineare che oggi “Pontida è una provincia dell’Ungheria”. Il riferimento è ovviamente legato al paese governato dall’estrema destra di Viktor Mihály Orbán che ha praticamente raso al suolo la democrazia.

Ecco, a proposito, come Letta ha commentato Pontida:

“Noi non vogliamo un’Italia che si leghi all’Ungheria come Salvini oggi ha voluto proporre di fare. Noi non vogliamo un’Italia che strizza l’occhio a Orban e Putin, vogliamo un’Italia che sia nel cuore dell’Europa ed è fedele alle sue alleanze. L’idea che l’Italia diventi oggi come l’Ungheria di Orban è esattamente l’opposto di quello che noi vogliamo fare. […] Monza è una grande capitale europea e noi non vogliamo che l’Italia segua il messaggio di Pontida, cioè andare verso l’Ungheria, cioè verso una democrazia che si sta perdendo tanto che il Parlamento l’Ue l’ha sanzionata”.

Related Posts

Lascia un commento