giornata-mondiale-delle-api-2022:-a-rischio-il-40%-delle-specie-di-impollinatori

Giornata Mondiale delle Api 2022: a rischio il 40% delle specie di impollinatori

Oggi celebriamo la Giornata Mondiale delle Api, fondamentali per ambiente, ecosistema e agricoltura. Il settore apistico italiano sta subendo da tempo un drammatico crollo della produzione di miele legato ai cambiamenti climatici e all’attacco di parassiti.

C’è una estinzione silenziosa che mette a rischio la biodiversità globale, ma anche la nostra capacità di produrre cibo in maniera naturale. Si tratta delle api, a cui il 20 maggio si dedica la Giornata Mondiale e degli altri insetti impollinatori, come vespe, farfalle, falene e coleotteri: oltre 20.000 specie che garantiscono un servizio indispensabile, quello dell’impollinazione, da cui dipende quasi il 90% di tutte le piante selvatiche con fiore e l’80% delle piante che producono cibo e prodotti per il consumo umano, pari al 35% della produzione agricola mondiale, con un valore economico stimato ogni anno di oltre 153 miliardi di euro a livello globale e 22 miliardi di euro in Europa.

Il 40% degli impollinatori a rischio estinzione

Tuttavia, più del 40% di esse è a rischio di estinzione a livello globale, in particolare api selvatiche e farfalle. Un recente studio condotto nel Regno Unito, analizzando gli impatti con i parabrezza delle auto, ha documentato un calo di quasi il 60% nel numero di insetti alati dal 2004. In Germania, l’abbondanza degli insetti è calata del 78% tra il 2008 e il 2017. A livello globale il Living Planet Index calcolato per le farfalle ha mostrato un calo medio del 49% nell’abbondanza delle popolazioni monitorate dal 1990 al 2017.

Il progetto “Diamo una casa alle api”

Per dare una risposta concreta a questo crollo verticale, il WWF promuove il progetto “Diamo una casa alle api”, realizzato grazie alla campagna di raccolta fondi sulla piattaforma ForFunding di Intesa Sanpaolo, con l’obiettivo di sensibilizzare le persone sull’importanza degli impollinatori e il loro valore per il nostro capitale naturale, dalla produzione di cibo al valore per le nostre economie.

Il progetto mira, inoltre, ad azioni concrete: realizzare e gestire in 20 Oasi WWF su tutto il territorio nazionale (da Valmanera in Piemonte all’Angitola in Calabria, dai Ghirardi in Emilia a Serranella in Abruzzo, da Valpredina in Lombardia a Torre Salsa in Sicilia) delle aree per facilitare la vita a questi importantissimi insetti.

Ogni Oasi ha visto la creazione di aree arricchite con piante nettarifere e pollinifere per l’alimentazione degli impollinatori, ma anche con “bee hotel”, veri e propri rifugi per api e altri insetti, che potranno diventare case per singoli impollinatori o per intere colonie, oltre a cartelli illustrativi per sensibilizzare i visitatori sull’importanza di queste specie.

Ma tutto questo non basta: è indispensabile mettere al bando i pesticidi più nocivi per gli insetti impollinatori, lasciare più spazio alla biodiversità negli ambienti agricoli, contrastare il cambiamento climatico, anche attraverso delle iniziative organizzate in diverse parti d’Italia, a cui WWF intende partecipare.

È per questo che, con un emendamento del Movimento 5 Stelle nell’ultima legge di bilancio, stanziamo 7,75 milioni di euro per il sostegno alle forme associative di livello nazionale tra apicoltori e promozione della stipula di accordi professionali, in modo da rafforzare il frammentato scenario produttivo, incentiviamo la pratica dell’allevamento apistico e del nomadismo nonché dell’impollinazione a mezzo api.Un risultato davvero importante, a cui si sommano gli aiuti diretti che la prossima Politica Agricola Comune raddoppierà per gli apicoltori.

Related Posts

Lascia un commento