il-liceo-premia-i-suoi-progetti-internazionali-–-erasmusdays-al-liceo-“giolitti-gandino”-bra

Il Liceo premia i suoi progetti internazionali – erasmusdays al Liceo “Giolitti Gandino” Bra

Sabato 29.10.22, alla presenza del sindaco d Bra, Gianni Fogliato, del vice sindaco Biagio Conterno e della Dirigente Scolastica Prof.ssa Francesca Scarfì, si è svolto presso l’aula magna del liceo un evento di presentazione e disseminazione delle attività collegate ad etwinning / Erasmus+ concluse nel corso dell’anno scolastico 2021/2022.

Un grande grazie a tutti i ragazzi del corso di teatro, agli attori e registi Fulvia Roggero e Vincenzo Santagata, alle professoresse Mariella Bruno, Antonella Viassone, Annamaria Rinaldi,  che  hanno collaborato attivamente alla realizzazione di un articolato progetto Erasmus+ KA229 “European Student Theater Lab – Act for EU citizenship“, durato quasi tre anni a causa della pandemia e rappresentato a giugno 2022 presso il teatro Politeama di Bra, con la partecipazione dei partner internazionali,  giunti in visita a Bra.

L’obiettivo pricipale è stato quello di promuovere l’educazione teatrale come strumento formativo utile per una didattica innovativa ed inclusiva.  Il progetto in questione ha permesso il confronto con altre realtà scolastiche provenienti dal Belgio, da Cipro, dalla Lettonia e dalla Spagna, condividendo i valori internazionali di democrazia, uguaglianza e dignità umana. Tutti i partecipanti  sono stati premiati con gadget e attestato di partecipazione. Il progetto ha anche vinto il Quality Label nazionale di etwinning.

La mattinata è continuata con la presentazione alla comunità scolastica del progetto etwinning portato avanti dagli alunni  della classe 3B scientifico tradizionale e dalla classe 3C  scientifico scienze applicate, dal titolo : “RRH: Respectful Responsible Healthy online communication”, supervisionato dalla prof.ssa Daisy De Gioannini, animatore digitale e ambasciatore Erasmus+ etwinning nazionale.

Il tema del progetto è stato il corretto utilizzo della rete, non solo in termini di sicurezza, ma anche di salute psico-fisica da parte dei teenagers (e non solo).  Gli alunni hanno analizzato il loro comportamento online e hanno collaborato con i partner stranieri (dalla Grecia, Lituania, Spagna) alla stesura di infografiche digitali con consigli per il corretto uso di internet. Infine hanno realizzato materiali multimediali -presentazioni e video- per la realizzazione del digital detox, al fine di vivere al meglio la loro quotidianità con la tecnologia.

Qui di seguito alcuni commenti dei partecipanti al progetto: Edoardo S. “Svolgere attività progettuali come questa è sicuramente motivante a livello personale e  rende la scuola più piacevole. Pur essendo il gemellaggio elettronico etwinning uno scambio virtuale, i forum della piattaforma hanno garantito il contatto e lo scambio di informazioni tra i partecipanti, con attività online interessanti e creative”.

Elena B.: “Il progetto è stato molto utile, non solo per l’ uso concreto della lingua inglese nella comunicazione con gli altri studenti stranieri, ma anche  per le informazioni sui vantaggi di un uso “saggio” della rete e i rischi derivanti dalla dipendenza da essa. La tecnologia permea ormai le nostre vite, ma nulla può sostituire la reale comunicazione in presenza e il tempo di qualità  trascorso con i nostri amici e famiglia”.

Alessia V.: “ Le attività proposte sono state divertenti e utili, ho imparato molto e ho scoperto cose che prima non sapevo, come i concetti PHUBBING e NOMOFOBIA. Mi è piaciuto molto collaborare con gli studenti stranieri ed ho sicuramente migliorato le mie competenze, oltre che linguistiche anche dal punto di vista informatico, visto che abbiamo usato diverse piattaforme e tool digitali. Mi piacerebbe fare un’ altra esperienza di questo genere!”

Concludendo, la prof.ssa De Gioannini, che ha curato le attività della giornata di disseminazione, riconosce la valenza formativa dei progetti di respiro europeo, che permettono alla popolazione scolastica di aprirsi a nuovi e più ampi orizzonti di condivisione,  collaborazione,  inclusione e sviluppo di pensiero critico, auspicando il futuro coinvolgimento della scuola in ulteriori iniziative internazionali.

Related Posts

Lascia un commento