il-palco-del-teatro-sociale-per-la-reunion-de-“gli-uh!”-a-50-anni-dal-loro-unico-lp:-l'incasso-in-beneficenza-a-lilt-biella-–-bi.t-quotidiano-|-notizie-dal-biellese

Il palco del Teatro Sociale per la reunion de “GLI UH!” a 50 anni dal loro unico LP: l'incasso in beneficenza a LILT Biella – BI.T Quotidiano | Notizie dal Biellese

“GLI UH!” sono un gruppo storico della musica biellese, a rilevanza però del tutto nazionale. Sono stati fra i primi a suonare rhythm’n’blues nel nostro Paese e tuttora considerati fra i grandi gruppi beat italiani. Fondati nel 1966 a Biella, manterranno per tutta la loro attività la stessa formazione, con: Attilio Gili (voce solista, basso), Sandro Gili (voce, chitarra), Paolo Piscozzo (voce, tastiere) e Ivo Ramella (voce, batteria).

Dopo vari singoli, incisi e distribuiti a partire dal 1966, e la partecipazione a varie rassegne dal vivo, incideranno nel 1972 quello che rimarrà il loro unico long playing (omonimo, per Kansas Records), prima di sciogliersi poco dopo, non prima di aver pubblicato alcuni altri singoli capaci di estendere il genere musicale di riferimento al rock di inizio anni ’70, con venature quasi progressive.

Varie esperienze successive dei singoli membri in altri progetti non faranno che alimentare il ricordo del gruppo, che vedrà una significativa reunion nel 1999 caratterizzata dall’incisione di nuovi pezzi e la ripresa dell’attività live.

La storia della band si interromperà poi forzatamente per la morte del cantante solista Attilio, nel 2005.

L’evento

Ora, nel 2022, in occasione del cinquantesimo anniversario dell’uscita del loro unico disco, “GLI UH!” superstiti, Sandro, Paolo e Ivo, decidono di salutare e ringraziare per il supporto continuo, in tutti questi anni, i propri fans con un concerto che sarà una vera e propria festa.

Grazie alla presenza di una nutrita serie di ospiti musicali, l’evento si caratterizzerà per essere una festa più in generale della musica biellese, in cui più giovani generazioni di musicisti renderanno omaggio agli UH!

Fra gli ospiti, la band del Biella Jazz Club che aprirà il concerto formata da Max Tempia, Fabio Buonarota, Massimiliano Serra, Davide Gilardino e Maurino Dellacqua, e poi in ordine sparso Mario Mancin, Marco Laurora, Marco Moscatelli, Roberto Banzi, Moreno Chiari, Fabrizio Lovati, Bruno Tiberti. Alla serata saranno presenti anche il DJ Maurizio Codini e il chitarrista Ricky Massini.

Location e prevendita

Il concerto si svolgerà martedì 22 novembre alle ore 21 presso il Teatro Sociale Villani. Sarà un concerto a pagamento, con biglietti del costo di 10 euro + 1.50 euro di prevendita.

La prevendita inizierà venerdì 4 novembre a Biella presso Cigna Dischi (via Italia 10, tel. 015-21802) e Paper Moon (via Galimberti 37, tel. 015-405395). I biglietti saranno in vendita anche in tutti i punti vendita del circuito de “Il Contato del Canavese” (www.ilcontato.it).

Finalità benefiche e supporto

L’evento ha finalità benefiche, perché tutto il ricavato del concerto, al netto delle spese vive, sarà devoluto a LILT Biella.

Ciò sarà possibile grazie alla partecipazione di tutti gli artisti a titolo gratuito nonché, in particolare al sostegno all’evento dato dal Comune di Biella, con la concessione gratuita del Teatro, e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, con la concessione di un contributo.

Organizzazione

L’organizzazione dell’evento è a cura di Piano Bi Associazione Culturale, ben conosciuta per l’organizzazione dell’annuale Microsolchi Festival, nonché per altri progetti legati alla musica fra i quali si ricorda la mostra sul Ferragosto Andornese in esposizione al Museo del Territorio Biellese fra giugno e settembre 2021.

L’organizzazione di questo evento è del tutto coerente, quindi, con un’attività che ha sempre supportato la scena musicale locale sia contemporanea (grazie alla vetrina offerta a molti musicisti locali dal Festival Microsolchi), che storica (grazie a un evento quale l’allestimento della mostra suddetta, vera e propria storia della musica e del costume del nostro territorio).

Related Posts

Lascia un commento