il-ritorno-di-b2cheese:-“fare-sistema-per-superare-le-difficolta”

Il ritorno di B2Cheese: “Fare sistema per superare le difficoltà”

A tre anni dalla prima edizione è tornato il salone della filiera lattiero-casearia dedicato agli operatori di settore. Francesco Maroni, presidente di Progetto Forme e B2Cheese, ha fatto un bilancio dell’edizione 2022

30 settembre 2022 | 16:41

A tre anni dalla prima edizione è tornato il salone della filiera lattiero-casearia dedicato agli operatori di settore. Francesco Maroni, presidente di Progetto Forme e B2Cheese, ha fatto un bilancio dell’edizione 2022

30 settembre 2022 | 16:41

A tre anni dalla prima edizione, pausa forzata a causa del Covid, Bergamo è tornata a ospitare il B2Cheese, il salone nazionale della filiera lattiero casearia dedicato agli operatori del settore. Un’occasione per confrontarsi e fare quadrato in un momento complesso a causa dell’impennata dei prezzi delle materie prime e dell’energia. 

Ne abbiamo parlato con Francesco Maroni, presidente di Progetto Forme (dedicato alla valorizzazione e promozione nazionale e internazionale dell’intero comparto lattiero-caseario italiano) e direttore generale della Latteria Sociale di Branzi

B2Cheese, il mondo del formaggio a Bergamo 

«Siamo molto contenti di poter riproporre B2Cheese – ha sottolineato Maroni – Sono contento di come sta andando, sia per la fiducia dei Consorzi sia per l’ottima risposta di buyer e personalità del settore». 

Il settore lattiero-caseario sta affrontando numerosi problemi legati all’impennata di prezzi e bollette. «Sono sfide che dobbiamo affrontare – ha proseguito – Si tratta del primo settore nel food italiano, sia per produzione sia per esportazioni e di un settore delicato perché fortemente radicato sul territorio. Per questo B2Cheese rappresenta un’occasione importante per tenere vicini i produttori e trovare soluzioni comuni ai problemi». 

Latte e denominazioni 

Uno dei temi al centro del dibattito resta il latte, il suo prezzo e il suo valore. «È un prodotto trasversale nella nostra alimentazione e, al netto degli aumenti, resta un prodotto sottovalutato, considerati i suoi valori nutrizionali, proteici ed energetici – ha aggiunto Maroni – In questo contesto le denominazioni sono uno strumento importante, sia per la tutela e la valorizzazione del territorio sia per l’internazionalizzazione del formaggio italiano, perché sviluppano la capacità di stare insieme e fare sistema». 

DolceVita

E qui l’appello a tutto il settore lattiero caseario. «A differenza di altri sistemi, come i nostri vicini francesi, il nostro settore è ancora acerbo e deve capire che serve compattezza e sincronia – ha conclusa Maroni – Stare insieme e trovare soluzioni, anche commerciali». 

Related Posts

Lascia un commento