la-granda-si-muove:-a-cuneo-una-raccolta-firme-per-chiedere-il-“sindaco-della-notte”

La Granda si muove: a Cuneo una raccolta firme per chiedere il “sindaco della notte”

La Granda si muove. L’Associazione Radicali Cuneo – Gianfranco Donadei, +Europa Provincia Granda e l’Associazione ApertaMente insieme per raccogliere le firme per tre “petizioni popolari” a Cuneo, Fossano e Alba. Stamattina l’iniziativa è stata presentata nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nel capoluogo. 

Si parte già il prossimo sabato 5 novembre con i banchetti. A Cuneo dalle ore 16 alle ore 19, Via Roma ang. P. Galimberti. Ancora, martedì 8 novembre, dalle ore 10 alle ore 12, P. Galimberti angolo Via Pascale (zona mercato)

A Fossano raccolta firme mercoledì 9 novembre, dalle ore 10 alle ore 12, Via Roma angolo Via Cavour. Ad Alba sabato 12 novembre, dalle ore 10 alle ore 12, Piazza San Francesco angolo Via Cavour.

Ma quali sono i temi su cui le tre associazioni si stanno impegnando? Fondamentalmente, nelle tre città, si chiede di rendere più accessibili gli strumenti di partecipazione popolare, in un contesto di disaffezione alla vita democratica. Per una petizione popolare, a Torino servono 1500 firme, a Cuneo 1000. Ma il rapporto tra i residenti è di 16 a 1. 

Queste le petizioni popolari a CUNEO

Democrazia

A Cuneo gli strumenti comunali di democrazia sono praticamente inaccessibili. Le firme da raccogliere per proposte e referendum sono oggettivamente sproporzionate rispetto al numero di abitanti. Noi vogliamo abbattere questo muro e rendere la città più democratica. Proponiamo: la riduzione del numero di firme da raccogliere per proposte e referendum, l’introduzione della firma digitale, la riduzione del quorum per i referendum e l’introduzione dei referendum propositivi e abrogativi e non più solo consultivi.

Movida

La movida è una fetta fondamentale dell’economia cittadina. Riteniamo fondamentale mettere in comunicazione gli attori principali della vita notturna, per evitare inutili e proibizioniste restrizioni nei confronti dei gestori dei locali. Proponiamo l’istituzione di un tavolo comunale sulla movida, per consentire il confronto tra tutti gli attori della vita notturna cuneese. Chiediamo inoltre la creazione di un Sindaco della notte, figura di raccordo tra i titolari dei locali e i residenti, istituita già in diverse città d’Italia e d’Europa. Normalmente, come spiegano i Radicali, si tratta di un assessore o un incaricato del Comune incaricato di raccogliere le istanze delle varie parti coinvolte, trovando soluzioni che possano conciliare le legittime esigenze di tutti.

Uguaglianza

Su esempio dell’ex sindaca di Torino e dell’attuale sindaco di Milano, chiediamo alla sindaca Patrizia Manassero di riconoscere i figli di coppie omogenitoriali. Una sorta di disobbedienza civile, in attesa di una legge dello Stato in materia. L’associazione ApertaMente, federata all’Associazione Radicali Cuneo, che si occupa dei diritti delle persone LGBTQI+, ha sposato appieno l’istanza, evidenziando come sia una questione urgente, una battaglia di civiltà, per la quale è necessario che i sindaci si adoperino, anche sfidando le leggi. 

Queste le petizioni popolari a FOSSANO

Democrazia

Anche a Fossano gli strumenti comunali di democrazia sono praticamente inaccessibili. Proponiamo: la riduzione del numero di firme da raccogliere per proposte e referendum, l’introduzione della firma digitale, la riduzione del quorum per i referendum e l’introduzione dei referendum propositivi e abrogativi.

Sala del Commiato

Fossano è una delle città della Provincia di Cuneo in cui manca una sala del commiato per i funerali laici. Proponiamo l’istituzione di una sala del commiato comunale.

Una sola petizione popolare ad ALBA

DEMOCRAZIA

Ad Alba gli strumenti di partecipazione popolare, come referendum, petizioni e proposte, sono inaccessibili a causa dell’elevato numero di firme da raccogliere, sproporzionato rispetto ad altri Comuni di Italia. Con un’istanza popolare vogliamo chiedere al Sindaco di intervenire. Proponiamo la riduzione del numero di firme per proposte e referendum, l’abrogazione del quorum di firme per petizioni popolari, la riduzione del quorum di validità dei referendum e la possibilità di firmare anche digitalmente referendum, proposte, petizioni e istanze.

Related Posts

Lascia un commento