l’asta-per-i-diritti-tv-della-nfl-diventa-uno-spartiacque-nella-storia-dei-media-usa-–-tvzoom

L’asta per i diritti TV della NFL diventa uno spartiacque nella storia dei media USA – TvZoom

NFL: il grande accordo sullo streaming va verso i tempi supplementari

New York Times, di Tripp Mickle, Benjamin Mullin e Kevin Draper, pag. 1

Roger Goodell, il commissario della National Football League, è volato a Sun Valley, nell’Idaho, quest’estate per la conferenza annuale sui media di Allen e Company, fiducioso che la N.F.L. fosse vicina ad annunciare il suo ultimo accordo sui diritti televisivi. “Probabilmente prenderemo una decisione entro l’autunno”, ha dichiarato all’epoca alla CNBC. Ma quasi cinque mesi dopo, la lega è ancora alla ricerca di una società di tecnologia o di media disposta a sostituire DirecTV come detentore dei diritti per il Sunday Ticket, che consente ai tifosi di vedere tutte le partite della N.F.L., non solo quelle trasmesse nella propria regione. Secondo cinque persone che hanno familiarità con le trattative, i negoziati dovrebbero protrarsi fino al prossimo anno. Le trattative per il Sunday Ticket sono state seguite da vicino da analisti e dirigenti.. Robert Kyncl, direttore commerciale di YouTube, ha svolto un ruolo chiave nell’inseguimento di Google. Anche se all’inizio del prossimo anno assumerà un nuovo incarico come amministratore delegato di Warner Music Group, Kyncl si è impegnato a lavorare con YouTube per portare a termine l’affare, come hanno dichiarato tre persone che conoscono le sue priorità. Ha un rapporto con Brian Rolapp, direttore commerciale della N.F.L., che ha lavorato con Knycl durante l’offerta fallita di Google per il Sunday Ticket nel 2013. Le trattative della lega con Apple, Google e altri si sono protratte perché la lega sta cercando di accorpare il pacchetto di partite domenicali della NFL fuori mercato con altre risorse mediatiche, tra cui NFL Network e il canale NFL RedZone, secondo queste persone.

L’anno scorso, la NFL ha assunto Goldman Sachs per valutare la possibilità di vendere una quota di queste attività mediatiche. La decisione è stata in parte motivata dalla consapevolezza della lega che Sunday Ticket compete per gli abbonati con il canale RedZone, che salta avanti e indietro tra le partite di football in diretta della domenica quando le squadre si avvicinano a segnare touchdown. Cercando investitori in quel canale e in altre attività mediatiche, la N.F.L. deve negoziare come strutturare una joint venture con un partner di investimento che probabilmente vorrà avere voce in capitolo nella struttura operativa della società co-proprietaria, hanno detto queste persone. Un dirigente del settore dei media che ha negoziato sia con Apple che con la N.F.L. ha citato un’altra ragione per l’impasse che si protrae da mesi: entrambe le parti sono abituate ad avere la meglio nelle trattative. La N.F.L., Apple, Amazon ed ESPN hanno rifiutato di commentare. Google non ha rilasciato immediatamente alcun commento. La lega chiede più di 2,5 miliardi di dollari all’anno, un aumento di 1 miliardo di dollari rispetto all’attuale accordo di otto anni, che scade alla fine di questa stagione. La lega vuole un partner a lungo termine per i diritti, dopo che l’anno scorso ha bloccato i suoi pacchetti per le partite del giovedì, della domenica e del lunedì con accordi di 11 anni. Il rallentamento dell’economia potrebbe creare un’altra sfida per la N.F.L. nel tentativo di chiudere un accordo che potrebbe superare i 10 miliardi di dollari nel corso della sua durata. Le aziende del settore tecnologico e dei media sono sotto pressione da parte di Wall Street e degli investitori per tagliare il personale e controllare le spese, un’inversione di tendenza dopo anni di spese sfarzose. La flessione ha contribuito ad inacidire alcuni analisti di Wall Street sull’accordo da 1 miliardo di dollari all’anno di Amazon per il “Thursday Night Football“. Tom Forte, analista della banca d’investimento D.A. Davidson, si è detto scettico sul fatto che l’azienda possa ottenere un numero di nuovi iscritti ad Amazon Prime o introiti pubblicitari sufficiente a coprire i costi. Ha aggiunto che la lotta di Amazon per fare soldi significa che è altamente improbabile che faccia un’offerta seria per Sunday Ticket. “In un momento in cui le aziende tecnologiche stanno stringendo la cinghia, sarebbe scioccante vedere Amazon spendere di più per i diritti della N.F.L., viste le sfide che ha già affrontato”, ha detto Forte.

(Continua sul New York Times)

Related Posts

Lascia un commento