listeriosi:-patologia-molto-pericolosa-per-l'uomo-e'-provocata-dalla-listeria-monocytogenes.

Listeriosi: patologia molto pericolosa per l'uomo. E' provocata dalla Listeria monocytogenes.

La listeriosi di origine alimentare è una delle malattie di origine alimentare più gravi e gravi. È causato dal batterio Listeria monocytogenes. È una malattia relativamente rara con da 0,1 a 10 casi per 1 milione di persone all’anno a seconda dei paesi e delle regioni del mondo.

Sebbene il numero di casi di listeriosi sia piccolo, l’alto tasso di morte associato a questa infezione lo rende un problema significativo per la salute pubblica.

A differenza di molte altre comuni malattie di origine alimentare che causano batteri, L. monocytogenes può sopravvivere e moltiplicarsi alle basse temperature che di solito si trovano nei frigoriferi. Il consumo di cibo contaminato con un numero elevato di L. monocytogenes è la principale via di infezione.

L’infezione può essere trasmessa anche tra esseri umani, in particolare dalle donne in gravidanza ai bambini non ancora nati.

L. monocytogenes è onnipresente in natura e si trova nel suolo, nell’acqua e nel tratto digerente degli animali. Le verdure possono essere contaminate dal suolo o dall’uso del letame come fertilizzante. Anche gli alimenti pronti possono essere contaminati durante la lavorazione e i batteri possono moltiplicarsi a livelli pericolosi durante la distribuzione e lo stoccaggio.

Gli alimenti più spesso associati alla listeriosi includono:

  • alimenti a lunga conservazione in refrigerazione (L. monocytogenes può crescere fino a raggiungere un numero significativo negli alimenti a temperature di refrigerazione quando viene concesso un tempo sufficiente);
  • cibi che vengono consumati senza ulteriori trattamenti, come la cottura, che altrimenti ucciderebbero L. monocytogenes.

In precedenti focolai, gli alimenti coinvolti includevano prodotti a base di carne pronti, come wurstel, carne spalmabile (paté), salmone affumicato e salsicce di carne cruda fermentata, nonché prodotti lattiero-caseari (compresi formaggi a pasta molle, latte non pastorizzato e gelato) e insalate preparate (tra cui insalata di cavolo e germogli di soia), così come frutta e verdura fresca.

La patologia.

La listeriosi è una serie di malattie causate dal batterio L. monocytogenes, i cui focolai si verificano in tutti i paesi. Esistono due tipi principali di listeriosi: una forma non invasiva e una forma invasiva.

La listeriosi non invasiva (gastroenterite listeriale febbrile) è una forma lieve della malattia che colpisce principalmente persone altrimenti sane. I sintomi includono diarrea, febbre, mal di testa e mialgia (dolore muscolare). Il periodo di incubazione è breve (pochi giorni). I focolai di questa malattia hanno generalmente comportato l’ingestione di alimenti contenenti alte dosi di L. monocytogenes.

La listeriosi invasiva è una forma più grave della malattia e colpisce alcuni gruppi ad alto rischio della popolazione. Questi includono donne incinte, pazienti in cura per cancro, AIDS e trapianti di organi, anziani e neonati. Questa forma di malattia è caratterizzata da sintomi gravi e un alto tasso di mortalità (20%-30%). I sintomi includono febbre, mialgia (dolore muscolare), setticemia, meningite. Il periodo di incubazione è solitamente di una o due settimane, ma può variare da pochi giorni fino a 90 giorni.

La diagnosi iniziale di listeriosi si basa sui sintomi clinici e sul rilevamento dei batteri in uno striscio da sangue, liquido cerebrospinale (CSF), meconio dei neonati (o il feto nei casi di aborto), nonché da feci, vomito, alimenti o Cibo per animali. Sono disponibili vari metodi di rilevamento, inclusa la reazione a catena della polimerasi (PCR), per la diagnosi della listeriosi nell’uomo. Durante la gravidanza, le colture del sangue e della placenta sono i modi più affidabili per scoprire se i sintomi sono dovuti alla listeriosi.

Le donne in gravidanza hanno circa 20 volte più probabilità di contrarre la listeriosi rispetto ad altri adulti sani. Può causare aborto spontaneo o natimortalità. Il neonato può anche avere un basso peso alla nascita, setticemia e meningite. Le persone con HIV/AIDS hanno almeno 300 volte più probabilità di ammalarsi rispetto a quelle con un sistema immunitario normalmente funzionante.

A causa del lungo periodo di incubazione, è difficile identificare il cibo che era la vera fonte dell’infezione.

Come trattarla?

La listeriosi può essere trattata se diagnosticata precocemente. Gli antibiotici sono usati per trattare sintomi gravi come la meningite. Quando l’infezione si verifica durante la gravidanza, la tempestiva somministrazione di antibiotici previene l’infezione del feto o del neonato.

Metodi di controllo.

Il controllo di L. monocytogenes è necessario in tutte le fasi della catena alimentare ed è necessario un approccio integrato per prevenire la moltiplicazione di questi batteri nel prodotto alimentare finale. Le sfide per il controllo di L. monocytogenes sono considerevoli data la sua natura onnipresente, l’elevata resistenza ai comuni metodi di conservazione, come l’uso di sale, fumo o condizioni acide negli alimenti, e la sua capacità di sopravvivere e crescere a temperature di refrigerazione (circa 5° C). Tutti i settori della catena alimentare dovrebbero implementare buone pratiche igieniche (GHP) e buone pratiche di fabbricazione (GMP), nonché implementare un sistema di gestione della sicurezza alimentare basato sui principi dell’analisi dei rischi dei punti critici di controllo (HACCP).

I produttori di alimenti dovrebbero anche eseguire test secondo criteri microbiologici, a seconda dei casi, durante la convalida e la verifica del corretto funzionamento delle loro procedure basate sull’HACCP e di altre misure di controllo dell’igiene. Inoltre, i produttori che producono alimenti associati ai rischi di Listeria devono condurre un monitoraggio ambientale per identificare ed eliminare ambienti di nicchia, comprese le aree che favoriscono l’insediamento e la proliferazione di L. monocytogenes.

Le moderne tecnologie che utilizzano l’impronta genetica – Whole Genome Sequencing (WGS) – consentono un’identificazione più rapida della fonte alimentare dei focolai di listeriosi collegando L. monocytogens isolati dai pazienti con quelli isolati dagli alimenti.

Linee guida sull’applicazione dei principi generali di igiene alimentare al controllo della Listeria monocytogenes negli alimenti pronti (CXG 61-2007). INGLESE

Leggi anche:

Listeriosi: grave infezione causata dalla Listeria monocytogenes.

Related Posts

Lascia un commento