livorno,-morto-a-60-anni-l’infermiere-riccardo-desideri.-l’annuncio-dell’usl

Livorno, morto a 60 anni l’infermiere Riccardo Desideri. L’annuncio dell’Usl

Una tragedia ha colpito il livornese nelle scorse ore. L’infermiere Riccardo Desideri è morto a soli 60 anni. Il dramma si era consumato in casa.

Morto Riccardo Desideri

Quella di Riccardo Desideri è una scomparsa che ha sconvolto la città di Livorno. L’uomo che lavorava come infermiere negli ambulatori chirurgici al sesto padiglione dell’ospedale toscano, è morto all’età di 60 anni. La tragedia – riporta “Il Tirreno” – si è consumata nell’abitazione.

Particolarmente sentite le parole dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest che  in una nota ha ricordato il grande impegno e il servizio portato avanti dall’uomo. 

Morto Riccardo Desideri: una tragedia consumata in casa 

Di Riccardo Desideri non si avevano notizie da qualche giorno. È stato così che nella serata di mercoledì 21 settembre intorno alle 20 i vicini di casa, preoccupati, hanno suonato al campanello dell’abitazione dell’uomo.

Non ci ricevendo risposta è stato allertato il 112. Sul posto erano intervenuti i vigili del fuoco che hanno provveduto a buttare giù la porta dell’abitazione. Il medico del 118 preposto, una volta riscontrato le condizioni del corpo, rivenuto esanime, non ha potuto fare altro se non dichiarare il decesso. 

La nota dell’Usl  

Nel frattempo l’Usl Toscana Nord Ovest, nella nota pubblicata sul sito istituzionale ha scritto: 

“L’Azienda USL Toscana nord ovest esprime il proprio cordoglio per l’improvvisa scomparsa di Riccardo Desideri, 60 anni, infermiere da tempo in servizio negli ambulatori chirurgici al sesto padiglione dell’ospedale di Livorno. Desideri era stato assunto 30 anni fa dalla azienda sanitaria livornese e da allora aveva prestato con dedizione e con grande forza d’animo, nonostante le avversità della vita, il proprio servizio offrendo una presenza mai banale.

I colleghi del “Sesto Terreno”, punto di riferimento non solo della sua vita professionale, vogliono ricordare Riccardo come colui che grazie alla amicizia dei colleghi considerava il lavoro vera fonte di vita. A tutti color che volevano bene a Riccardo giungano le più sentite condoglianze da parte di tutta l’Azienda USL Toscana nord ovest”.

Related Posts

Lascia un commento