netflix-vorrebbe-darsi-allo-sport,-pero…-–-tvzoom

Netflix vorrebbe darsi allo sport, però… – TvZoom

Netflix si getta nella mischia dei diritti sportivi

Le Figaro, di Eduardo Fernandez, pag. 28

Per molto tempo, i diritti di trasmissione di competizioni sportive in diretta non sono stati un argomento di Netflix. Ma il gigante dello streaming video in abbonamento sta ora rivedendo i suoi piani. Secondo il Wall Street Journal, la piattaforma sta valutando la possibilità di offrire eventi sportivi in diretta. In realtà, ha già agito. Recentemente, Netflix ha fatto un’offerta per i diritti di trasmissione in diretta del circuito ATP di tennis per alcuni Paesi europei, tra cui Francia e Regno Unito. Ma poi ha gettato la spugna. La società californiana ha anche cercato di acquistare i diritti britannici della Women’s Tennis Association e dei campionati di ciclismo. Ma Netflix non è pronta a sbancare per ottenere i diritti di sport prestigiosi. Reed Hastings, il suo co-CEO, è preoccupato per l’attuale impennata dei prezzi dei diritti sportivi, mentre l’azienda è sempre più preoccupata di controllare i propri costi. La piattaforma si rivolge quindi agli sport meno conosciuti. Alla fine del 2021, ad esempio, il servizio di streaming ha cercato di portare la World Surf League al suo interno. Ma le trattative sono fallite a causa del prezzo, secondo il Wall Street Journal. Secondo quanto riferito, Netflix sta cercando di sviluppare “franchising” più piccoli o addirittura di creare nuovi tornei. fl si disperde da un asset principale: le sue dimensioni, ovvero la sua vastissima base di abbonati di 223 milioni di clienti. “Il fatto che Netflix sia interessata a competizioni minori è particolarmente interessante, in quanto apre la strada all’acquisizione di diritti globali e all’utilizzo della produzione originale di Netflix per creare programmi complementari che aumentino la popolarità di uno sport di nicchia”, afferma Ampere Analysis. Una partnership interessante per le piccole leghe sportive in cerca di visibilità. Una buona lezione Soprattutto perché Netflix padroneggia l’arte della narrazione. Sebbene non produca ancora eventi sportivi, negli ultimi anni Ha ha investito molto in serie di documentari legati allo sport.

Tra i più emblematici, The Last Chance e soprattutto Formula 1, che ha riportato in vita la Formula 1 e ha fatto esplodere l’audience del concorso su Canal+, detentore dei diritti. La scorsa primavera, Netflix ha iniziato le riprese di una serie di documentari sul Tour de France 2022, che sarà trasmessa nel 2023. Il gigante dello streaming troverebbe redditizio anche offrire concorsi. Dal punto di vista strategico, lo sport dal vivo è un buon modo per attirare e mantenere spettatori sempre più volubili, che si cancellano e poi si riabbonano a seconda delle nuove serie e dei nuovi film offerti. Ed è anche un buon modo per attirare gli inserzionisti, visto che Netflix ha appena aperto alla pubblicità. Mentre la società di Gates è ancora in testa, altri giganti dello streaming sono entrati nella mischia dei diritti sportivi. Sia Amazon che Apple sono già ben consolidate. Per raggiungere questo obiettivo, non hanno esitato a investire somme considerevoli. Il primo ha certamente sottratto a Canal+ la maggior parte delle partite di calcio della Ligue 1 francese per una cifra irrisoria. Ma ha accettato di pagare alla lega professionistica di football americano (NFL) 1,2 miliardi di dollari all’anno per ottenere il diritto esclusivo di trasmettere il Thursday Night Football per undici stagioni. 1 second ha firmato lo scorso giugno un accordo per trasmettere la MLS, il principale campionato di calcio degli Stati Uniti, per un totale di 2,5 miliardi di dollari per 10 stagioni. Anche se Netflix non sembra disposta a “bruciare il borotalco”, questo nuovo potenziale acquirente è una manna per le leghe sportive. Ma per le reti televisive, le cui tasche sono molto meno profonde, il gioco è più complicato.

(Continua su Le Figaro)

(Nella foto Netflix)

Related Posts

Lascia un commento