omicidio-alika,-lanciata-una-raccolta-fondi-a-sostegno-della-vedova:-“italia-non-lasciarmi-sola”

Omicidio Alika, lanciata una raccolta fondi a sostegno della vedova: “Italia non lasciarmi sola”

Per sostenere la vedova di Alika Ogochukwu, l’ambulante ucciso a Civitanova Marche, è stata lanciata una raccolta fondi. La donna ha un figlio di 8 anni.

Alika omicidio raccolta fondi

La morte dell’ambulante Alika Ogochukwu, ha sconvolto in queste ultime ore il Paese. Ciò è dovuto in particolare al fatto che, nonostante la presenza di diversi testimoni, nessuno abbia davvero fatto qualcosa affinché l’uomo potesse salvarsi dalle mani del suo carnefice, Filippo Claudio Giuseppe Ferlazzo.

Ora, al fine di sostenere la vedova dell’uomo, Charity Oriakhi e il figlio della coppia di soli otto anni, è stata lanciata una raccolta fondi. 

Omicidio Alika, lanciata una raccolta fondi per la vedova

Il legale della famiglia, Francesco Mantella – interpellato da Fanpage.it ha messo a disposizione gli estremi ai quali effettuare un bonifico. Non solo. Tra gli enti che si sono messi in atto in queste ultime ore – riporta la testata locale “Cronachemaceratesi.it” – anche l’Istituto Comprensivo P.

Tacchi Venturi frequentato dal figlio di otto anni: “Al ritorno a scuola, faremo anche raccolta fondi per la moglie e il figlio di Alika”, ha dichiarato a tale proposito il dirigente scolastico. Tra le molte persone che si sono attivate, si è unita anche la titolare del negozio DuIn Laura Latino. 

“La comunità cittadina ha risposto immediatamente”

Non ultimo anche Valeria Paniccia ha usato lo spazio dei suoi social per promuovere la raccolta fondi. Anche sulla pagina Facebook è possibile visualizzare l’Iban: “È iniziata una colletta per la moglie di Alika, ucciso ieri pomeriggio sul corso di Civitanova Marche. La comunità della cittadina dove sono nata ha risposto immediatamente a questo evento tragico. Intanto i negozianti stanno preparando delle scatole per raccogliere denaro, il modo più veloce. Poi da lunedì come suggeritomi dall’amica poliziotta Barbara Dolciotti ci attiveremo per pubblicare l’Iban di Charity Ogorkukwu.

Grazie Potrebbe essere un’immagine raffigurante torta, rosa e testo”, aveva scritto. 

Related Posts

Lascia un commento