peste-suina,-cia-chiede-indennizzi-per-allevatori-e-agricoltori-romani

Peste suina, Cia chiede indennizzi per allevatori e agricoltori romani

Bene le misure più restrittive nella zona rossa per cattura e abbattimento dei cinghiali, ma restano decisive la chiarezza nei provvedimenti e la rapidità nei criteri da scegliere per evitare la rapida diffusione della Peste suina africana che potrebbe dilagare dal Lazio e invadere la Maremma e il Centro Italia, contagiando la popolazione suina nazionale.

Peste suina, Cia chiede indennizzi per allevatori e agricoltori romani

A dirlo è il neopresidente di Cia-Confederazione agricoltori Italiani, Cristiano Fini, secondo il quale occorre evitare di replicare le modalità attuate in Piemonte dove, a 3 mesi dall’ordinanza ministeriale, sono stati abbattuti solo 500 dei 50 mila cinghiali stimati nell’area rossa. Per Cia resta comunque fondamentale il reperimento di nuove risorse per indennizzare al 100% allevatori e agricoltori romani che si trovano nella zona sottoposta a restrizioni.

«Gli allevatori avranno bisogno di risorse anche per far fronte agli interventi strutturali per la costruzione delle recinzioni in materia di biosicurezza – ha aggiunto Fini – Non sono sufficienti i 50 milioni stanziati». 

Il presidente ha chiesto anche un diretto coinvolgimento degli agricoltori nelle decisioni che dovranno essere prese nell’immediato; dalla gestione del selvatico alla protezione degli allevamenti, dalle programmazioni delle macellazioni dei suini – capi da abbattere anche se perfettamente sani – agli aiuti economici da destinare agli operatori. 

© Riproduzione riservata STAMPA

LE ALTRE NOTIZIE IN TEMPO REALE

Loading...

Alberto Lupini

Related Posts

Lascia un commento