pressione-su-anas-per-riaprire-la-vecchia-659-alle-‘casse’

Pressione su Anas per riaprire la vecchia 659 alle ‘Casse’

Era scontata, ma l’assenza di Anas conferma la scarsa attenzione che l’ente strade ha per l’Ossola. Assenza fattasi registrare all’incontro in programma sabato a Formazza per parlare della riapertura della vecchia statale 659 nel tratto della ‘casse’.

La vecchia strada è stata sbarrata da Anas con cancelli e questo impedisce a pedoni e ciclisti di percorrerla.

Infatti, il solo accesso a Formazza è consentito con la nuova galleria ma per chi pedale il tunnel rappresenta un pericolo. Di recente una donna è stata investita mentre scendeva in bici, riportando diversi traumi.

Come dicevamo, sabato in molti si sono ritrovati a Formazza per discutere del problema della vecchia statale.

Fiab Vco (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) si è detta ‘’molto soddisfatta per la partecipazione e per come è andato l’incontro al quale erano presenti molti appassionati di bici e diversi formazzini. Ma anche per la qualità degli interventi.  Abbiamo dato ai partecipanti tutti gli elementi per fare le loro valutazioni. Inoltre il confronto è stato interessante anche per la partecipazione dell’amministrazione comunale e della Provincia, del Cai, dell’Unione montana. Abbiamo intravisto da parte delle istituzioni la voglia di proseguire il loro percorso  istituzionale. E’ stato anche detto che  i comuni della valle hanno portato in consiglio comunale degli ordini del giorno per fare pressione su Anas. Monitoreremo la situazione che speriamo possa avere sviluppi. Ma se registrassimo inerzia da parte di Anas potremmo anche organizzare un presidio lungo la statale’’.

La vecchia  strada statale è rimasta in stato di abbandono dopo l’apertura del nuovo tracciato in galleria. Nove anni fa Anas aveva messo il divieto di transito arrivando infine, poco più di un mese fa, a mettere.

Formazza non ha mai detto no alle richieste di Anas di farsi carico della vecchia strada, ma solo dopo che Anas abbia ricostruito il ponte della Casse. Intanto Fiab Vco ha avviato anche una petizione che ha già visto raccogliere oltre 1500 firme.

Related Posts

Lascia un commento