questi-non-sono-«preti-ortodossi-russi»-che-benedicono-«il-missile-nucleare-satan»-durante-la-guerra-in-ucraina

Questi non sono «preti ortodossi russi» che benedicono «il missile nucleare Satan» durante la guerra in Ucraina

Il 16 maggio 2022 su Facebook è stato pubblicato un post che riporta la fotografia di alcune autorità religiose accanto a un’arma militare e un commento che la descrive come: «Preti ortodossi russi che benedicono il missile NUCLEARE “SATAN” durante la sfilata…».

Si tratta di un’immagine fuorviante, che veicola una notizia falsa.

La fotografia non è stata scattata durante la guerra in Ucraina, iniziata il 24 febbraio 2022 con l’invasione russa del Paese, ma è stata pubblicata il 6 maggio 2015 dall’agenzia russa Mskagency (Moscow Municipal News Agency) ed è tuttora disponibile a questo link

La traduzione italiana della didascalia recita: «Rituale di benedizione dei partecipanti alla Victory Parade e consacrazione dei lanciarazzi sul campo Chodynka». I campi di Chodynka sono degli enormi spazi all’aperto situati a nord-ovest di Mosca.

Il «missile nucleare Satan» di cui si parla nel post oggetto di verifica è il missile balistico intercontinentale sovietico R-36M, chiamato in codice dalla NATO SS-18 Satan. Sebbene l’arma sia ancora impiegata dall’esercito russo, questa è in fase di eliminazione e sarà presto soppiantata dal RS-28 Sarmat, conosciuto anche come «figlio di Satana».  

Sollecitata dai colleghi di Reuters, la ricercatrice associata del Project on Managing the Atom presso la Harvard Kennedy School Belfer Center, Mariana Budjeryn, ha spiegato che quello nella foto non è un SS-18 Satan, ma un SS-27 Yars, missile balistico intercontinentale a propellente solido di tipo mobile. Questo tipo di missile non ha infatti bisogno di una postazione di lancio fissa, ma può essere lanciato grazie all’utilizzo di un grande camion: lo stesso mostrato nell’immagine oggetto della nostra verifica.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Facta

Ogni sabato mattina riceverai il meglio del nostro lavoro
 

Related Posts

Lascia un commento