questi-non-sono-«rifugiati-ucraini»-con-tatuaggi-nazisti

Questi non sono «rifugiati ucraini» con tatuaggi nazisti

Il 17 luglio 2022 è stata pubblicata su Facebook la foto di due uomini ricoperti di tatuaggi con simboli nazisti. L’immagine è accompagnata da un commento, che recita: «I poveri e sfortunati rifugiati ucraini cercano rifugio umanitario in Croazia». Lo stesso scatto è stato ampiamente condiviso sui social anche in altre lingue, facendo sempre riferimento ai rifugiati ucraini.

Si tratta di un contenuto fuorviante, che veicola una notizia falsa. Nonostante la foto sia stata scattata veramente in Croazia, i soggetti non sono due rifugiati ucraini. Andiamo con ordine.

Attraverso una ricerca su Google Maps, è stato possibile confermare che lo sfondo dell’immagine corrisponde al bar sulla spiaggia di Morski Prasac a Rijeka, in Croazia. Sono infatti visibili gli stessi ombrelloni e tavoli.

Inoltre, una dichiarazione della polizia locale a Dnevik.hr, sito croato di notizie, ha confermato la presenza dei due uomini nel bar menzionato. Secondo quanto riportato, grazie alle testimonianze dei presenti gli agenti hanno ricostruito che i due avevano frequentato la spiaggia nei primi giorni di luglio 2022. 

Passiamo alle persone mostrate nella foto. I colleghi di Afp sono riusciti a identificare i due soggetti. L’uomo a sinistra, quello più alto, si chiama Kristóf Anka, come si può verificare qui. In una delle foto presenti sul suo profilo Facebook, Anka indossa una maglietta con il nome della band Fehér Törvény, gruppo musicale ungherese di cui fa parte e legato agli ambienti di estrema destra (come si può vedere qui e qui). 

I colleghi di Afp sono poi riusciti a riconoscere anche l’altro uomo, quello più basso e il con cappello. Si tratta di Ádám Tóth, ungherese, che sul suo profilo Facebook appare mentre parla su un palco davanti a un cartello che recita «Fehér Törvény» e i cui tatuaggi corrispondono a quelli dell’uomo nella foto in questione. Tóth non fa parte della band, ma, come ricostruito sempre da Afp, è legato a gruppi musicali neonazisti ungheresi. 

Precisiamo che la presenza di alcuni neonazisti in Croazia agli inizi di luglio 2022 è dimostrata anche da un messaggio del 3 luglio inviato sul canale Telegram del gruppo Blood and Honour Hungary, la sezione ungherese di un network di promozione musicale neonazista, in cui si fa riferimento a un concerto di estrema destra organizzato il giorno prima nel Paese.

Su Facta ci siamo occupati di diversi casi di disinformazione ai danni dei profughi ucraini (qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui e qui).

Related Posts

Lascia un commento