“questi-sono-i-sintomi”.-vaiolo-delle-scimmie:-come-riconoscere-la-malattia

“Questi sono i sintomi”. Vaiolo delle scimmie: come riconoscere la malattia

Vaiolo delle scimmie sintomi, contagio e cosa è la malattia. Sono saliti a 5 i casi di ‘monkeypox’, con caratteristiche cliniche e di trasmissione simili ai precedenti. La notizia è stata data il 24 maggio dall’Istituto Spallanzani di Roma. Tre dei casi sono ricoverati a Roma, uno ad Arezzo, uno è seguito a domicilio a Roma. Sono 16 i contatti stretti posti in isolamento.

“I ricercatori dello Spallanzani hanno completato la prima fase dell’analisi della sequenza del Dna del Monkeypox virus dei primi tre casi di vaiolo delle scimmie osservati in Italia e seguiti presso l’Istituto romano”, ha comunicato l’Inmi, l’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma.

Vaiolo delle scimmie sintomi

Vaiolo delle scimmie sintomi, contagio e cosa è la malattia

“I campioni risultati positivi al Monkeypox virus sono stati sequenziati per il gene dell’emoagglutinina (Ha), che consente l’analisi filogenetica del virus, e sono tutti risultati affini al ceppo dell’Africa Occidentale, con una similarità del 100% con i virus isolati dei pazienti in Portogallo e Germania. Potremmo essere anche in Italia di fronte a un virus ‘paneuropeo’ – ritengono gli specialisti dello Spallanzani – correlato con i focolai osservati in vari Paesi europei, in particolare quello delle Isole Canarie”.

Vaiolo delle scimmie sintomi

Gli esperti hanno rassicurato la popolazione sulla gestione dei casi, affermando che i rischi restano bassi, che non c’è alcun bisogno di fare allarmismo. Vaiolo delle scimmie, tra i sintomi febbre, mal di testa, grave affaticamento, mal di schiena, brividi, dolori muscolari e linfonodi gonfi (edema linfonodare).

L’infezione si trasmette attraverso grandi goccioline respiratorie e attraverso il contatto stretto con persone o animali infetti. Un’infezione può essere causata anche dal contatto con fluidi o sangue.

Vaiolo delle scimmie sintomi – Come riporta il manuale MSD “tra 1 e 3 giorni dopo la comparsa della febbre, si sviluppa un’eruzione cutanea che frequentemente inizia sul viso e in seguito si diffonde ad altre parti del corpo, palmi delle mani e piante dei piedi compresi”. L’eruzione cutanea del vaiolo delle scimmie insorge sotto forma di macchie piane di colore rosso che poi si trasformano in vescicole purulente. Il decorso del vaiolo delle scimmie è generalmente di 2-4 settimane.

Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia. Un uomo al pronto soccorso, poi la scoperta

Related Posts

Lascia un commento