salvini:-«alla-fine-calenda-si-acquattera-con-il-pd.-noi-promettiamo-solo-cio-che-possiamo-fare»

Salvini: «Alla fine Calenda si acquatterà con il Pd. Noi promettiamo solo ciò che possiamo fare»

“Non voglio sparare ministri a caso e sicuramente proporrò al centrodestra che prima del voto i nomi di alcuni ministri vengano messi sul tavolo”. Così Matteo Salvini, a margine di un sopralluogo in Stazione Centrale a Milano prima di partire per Firenze. Un passaggio necessario sulla sicurezza allo sbando (portiamo proposte concrete, un miliardo di euro sulle forze dell’ordine) e su Civitanova Marche, sconvolta per l’assassinio del giovane nigeriano.

Salvini: è folle morire come a Civitanova

“E folle morire così. Spero che la pena sia la massima possibile. Il problema – spiega il leader della Lega – è che ci sono episodi di violenza e criminalità in pieno giorno in tutta Italia. Non è possibile, ma succede. Perché manca la certezza della pena. A Civitanova Marche non vado”, spiega. “Perché se vado, sbaglio perché vado e strumentalizzo”.

“Chi non vota aiuta la sinistra e il Pd”

Pochi dubbi sulla vittoria elettorale e un appello a votare al popolo tentato dall’astensionismo. “Chi non vota sicuramente aiuta la sinistra, chi non vota aiuta il Pd: questo è poco ma sicuro”, ha detto rivolgendosi ai toscani. Sull’altra metà del campo è buio fitto. “Io lavoro per unire il centrodestra, che ora sta lavorando sul programma”, dice il leader leghista. “Di là vedo che ci sono una, due, tre, quattro frange diverse e divise. E se devo fare una scommessa, posso ipotizzare che dopo tutte le chiacchiere e gli insulti Calenda si acquatterà con il Pd. E sarà valido alleato di Di Maio, Speranza e degli ex grillini, alla faccia di tutti e tutto”.

“Promettiamo poco, ma quello si mantiene”

Come sottolineato da Giorgia Meloni al Tg1 il centrodestra lavorerà lontano dalla demagogia e dagli impegni facili. “Io conto che il 25 settembre ci sia tanta gente che esprimerà tanta voglia di cambiamento. Dopo governi tecnici, dopo governi non eletti. L’invito della Lega al centrodestra è di promettere poco e quello che si promette, si mantiene”.

“Auguri al minestrone Letta, Speranza, Di Maio, Renzi…”

Al minestrone Letta dice ‘auguri’. “Certo che se venisse fuori un minestrone Letta, Speranza, Di Maio, Carfagna, Gelmini, Renzi, Calenda e fuori usciti vari, auguri! Comunque ognuno sceglie quello che crede. Il centrodestra ha trovato una compattezza che non aveva da anni onestamente, e quindi ne sono felice”. Poi un passaggio sul tema sicurezza. “Io a Draghi per un anno e mezzo ho chiesto di chiedere al ministro Lamorgese efficacia, prevenzione, presenza. Ma ho perso qualsiasi fiducia. Fra due mesi fortunatamente farà altro nella vita, quindi ci sarà qualcuno di più presente”.

“Se vinciamo l’energia ce la produciamo da soli”

Sulle presunte ingerenze russe taglia corto: “Più che le smentite della massima autorità dei servizi segreti che deve dire. Che sono tutte balle, non ho altro da aggiungere. Dietro la caduta del governo c’è la manina di Conte”. E ancora: se vince il centrodestra l’energia ce la produciamo da soli. “L’Italia ha bisogno di rigassificatori, di termovalorizzatori, di desalinizzatori. Ha bisogno di reattori nucleari, e se poi siamo più giusto farlo lì o là non ho le competenze per dirlo. Noi siamo per i sì, i no hanno bloccato questo Paese”.

L’articolo Salvini: «Alla fine Calenda si acquatterà con il Pd. Noi promettiamo solo ciò che possiamo fare» sembra essere il primo su Secolo d’Italia.

Related Posts

Lascia un commento