tiene-tutti-con-il-fiato-sospeso-il-futuro-di-warner-bros.-discovery-–-tvzoom

Tiene tutti con il fiato sospeso il futuro di Warner Bros. Discovery – TvZoom

WB Discovery, oppressa dai debiti, cerca soluzioni

Wall Street Journal, di Joe Flint, pag. 1

David Zaslav ha dichiarato che si trattava di un “giorno splendente” dopo la chiusura dell’accordo per la fusione del suo gigante della programmazione via cavo Discovery Inc. con l’unità WarnerMedia di ATeT Inc. lo scorso aprile. È stato tutt’altro che così per Warner Bros. Discovery Inc. e per il nuovo amministratore delegato del gigante dei media, le cui partecipazioni comprendono studi cinematografici e televisivi, CNN e HBO, e canali Discovery come Food Network e HGTV. Alla chiusura di mercoledì, il titolo è sceso del 48% da quando l’accordo è stato chiuso l’8 aprile e la società ha reso noto che prevede di sostenere fino a 4,3 miliardi di dollari di oneri di ristrutturazione entro la fine del 2024. Inoltre ha quasi 50 miliardi di dollari di debiti. “Riteniamo che Warner Bros. Discovery abbia uno dei migliori asset nel settore dei media e uno dei peggiori bilanci nel settore dei media”, ha dichiarato Steven Cahall, analista di Wells Fargo. Warner Bros. Discovery dovrebbe presentare i risultati trimestrali giovedì. Una serie di licenziamenti, di partenze di dirigenti di alto livello e di tagli al budget hanno affossato il morale, hanno detto diversi dirigenti. Più di 1.000 persone sono state licenziate da aprile, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione, e altri tagli sono in arrivo. Le crescenti preoccupazioni sulla sostenibilità finanziaria e sulle prospettive a lungo termine dello streaming in generale non aiutano. Il taglio del cavo sta anche erodendo la fiducia nel futuro delle reti via cavo, di cui Warner Bros. Discovery possiede più di due dozzine in tutto il mondo. Il debito netto di 47,5 miliardi di dollari è una nube oscura. L’indebitamento netto diviso per gli ultimi 12 mesi di utili rettificati prima degli interessi, delle tasse, del deprezzamento e dell’ammortamento è di 5 volte, molto più alto di quello di altre società di media. Warner Bros. Discovery ha dichiarato di voler ridurre questo valore a 2,5 o 3 volte entro la fine del 2024 e ha promesso di destinare il flusso di cassa libero alla riduzione del debito. Il riposizionamento “richiede che gli investitori a reddito fisso si tengano il naso per qualche anno”, ha dichiarato Neil Begley, vicepresidente senior di Moody’s Investors Service. La concorrente Paramount Global ha registrato mercoledì un calo degli utili nel terzo trimestre, dovuto in parte alla flessione della sua divisione televisiva, e ha aggiunto al suo servizio di streaming un numero di nuovi abbonati inferiore a quello previsto dagli analisti di SeP 500 HBO/HBO Max e Discovery+ 100 milioni di abbonati.

Le azioni Paramount sono crollate del 12% mercoledì. Il rallentamento della pubblicità è un’altra cattiva notizia. La scorsa settimana il presidente della CNN Chris Licht ha comunicato ai collaboratori in una nota che lo stato dell’economia comporterà cambiamenti sconvolgenti che “non saranno facili perché influenzeranno persone, bilanci e progetti”. In un recente incontro con la cittadinanza, Zaslav ha dichiarato di essere al lavoro per ristrutturare l’azienda “in modo da poter attaccare ed essere il leader globale che tutti vogliamo essere”. A tal fine è necessaria una maggiore efficienza, ha dichiarato, il che significa esaminare come vengono utilizzate le risorse e consolidare i ruoli. “Non c’è niente di più difficile di quello che stiamo vivendo in questo momento”, ha detto durante il municipio. Sono stati abbandonati progetti di alto profilo, tra cui il film “Batgirl” per HBO Max e “Demimonde“, un costoso dramma di fantascienza del produttore J.J. Abrams. La nuova dirigenza ha anche cancellato e cancellato progetti rivolti a bambini e ragazzi per HBO Max. Tra le serie che non andranno più avanti ci sono “Charlotte’s Web“, una coproduzione con Sesame Workshop, e “Degrassi“, una coproduzione con WildBrain Studios. I vertici dell’azienda respingono l’idea che stiano tagliando a casaccio la programmazione, sottolineando che Warner Bros. Discovery è in procinto di spendere 22 miliardi di dollari in contenuti quest’anno, che comprendono anche lo sport. Warner Bros. Discovery sta anche cercando di generare maggiori entrate dando in licenza i contenuti ad altre aziende. Warner Bros. ha concesso in licenza i film de “Il Signore degli Anelli” e “Lo Hobbit” ad Amazon Prime Video, che ha voluto aiutare la piattaforma a suscitare interesse per la sua serie de “Il Signore degli Anelli”. Lo studio ha anche concesso in licenza i suoi film “Lego” a Paramount Global e “The Vampire Diaries” a Peacock. La società prevede di aumentare i ricavi quando l’anno prossimo combinerà i servizi di streaming HBO Max e Discovery+ e lancerà una piattaforma gratuita ad-supported simile a Pluto di Paramount Global e Tubi di Fox Corp. Presso le reti Turner – TBS e TNT – la maggior parte del team di programmazione originale è stata licenziata, inviando un segnale ai lavoratori rimanenti e a Hollywood che i canali erano fuori dal business dei contenuti sceneggiati come parte dei tagli ai costi. Tuttavia, i distributori di Turner hanno stipulato accordi che prevedono la programmazione di sceneggiati originali.

(Continua sul Wall Street Journal)

Related Posts

Lascia un commento