“vietato-a-corte”.-re-carlo-iii-e-stato-irremovibile,-la-decisione-(storica)-e-ufficiale:-nessuno-potra-farlo

“Vietato a corte”. Re Carlo III è stato irremovibile, la decisione (storica) è ufficiale: nessuno potrà farlo

Carlo III ha vietato un particolare cibo a corte. Dopo ben 70 anni di regno la regina Elisabetta è morta lasciando la corona sulla testa del figlio. E saranno molte le cose destinate a cambiare a partire ovviamente dall’inno che cambierà l’espressione “God save the Queen” in “God save the King”. E pazienza se c’è chi parla già di “cospirazione” ai danni di Carlo III. Ci sarebbe il fratello Andrea dietro tutto e il suo progetto sarebbe quello di diventare reggente del principe William.

Ma si tratta di ‘fantapolitica’. Qui invece parliamo di cose reali, nel senso di vere, confermate, garantite. Ebbene tutti sanno che il nuovo sovrano del Regno Unito è un grande amante degli animali. Carlo III ha anche una fattoria biologica, la Duchy Home Farm, 700 ettari all’interno della residenza di Highgrove House. Fin dagli anni 80 questo posto è stato destinato ad agricoltura biologica e naturalmente massimo rispetto degli animali.

Leggi anche: “William sul trono al posto di Carlo”. Rivelazioni sulla famiglia reale: “La mossa di Andrea”

carlo iii divieto corte

La decisione di Carlo III: tutti dovranno rispettarla a corte

Forse, però, non tutti sanno che da anni ormai Carlo III ha fatto delle scelte animaliste. Ad esempio l’attuale re d’Inghilterra ha rinunciato a mangiare fegato d’oca da 10 anni. Ma non è tutto. Sul procedimento per la preparazione di questo alimento, le oche vengono ingozzate per far ingrossare il fegato, le associazioni animaliste come la Peta si battono da anni con sollecitazioni. E Carlo III ora ha formalmente accolto le loro richieste.

carlo iii divieto corte

Con un atto formale Re Carlo III ha infatti bandito da corte il foie gras. D’ora in poi nessuno potrà più mangiare il fegato d’oca nelle dimore reali. In sostanza il foie gras è stato tolto da tutti i menù. Una decisione forte nei confronti di un cibo ritenuto d’alta gastronomia nato in Francia ma consumato anche in altre parti del mondo. La notizia è stata data da BBC e riportata da Vanity Fair.

Subito dopo la decisione di vietare il foie gras da parte del Re Carlo III è arrivato un comunicato della Peta. L’associazione animalista ha ufficialmente ringraziato via social il sovrano. E sono numerosi i sudditi d’accordo con il re. Da tempo il foie gras è sotto accusa, nel Regno Unito ne è vietata la produzione ma non la vendita. Un’altra richiesta della Peta riguarda le pellicce d’ermellino che vengono usate solitamente nell’incoronazione, prevista per il 6 maggio. L’associazione chiede a Carlo di usare pellicce sintetiche. Staremo a vedere se il re accoglierà questo invito.

“Povero, non se lo merita”. Re Carlo III, lo sfregio proprio in questo giorno tanto importante

Related Posts

Lascia un commento